Scatta la corsa del votoBoom di liste sulle schede

Scatta la corsa del votoBoom di liste sulle schede

Ben 32 liste sulla scheda del Senato, 19 su quella della Camera. Tante ne troveranno i bergamaschi che il 9 e 10 aprile, come il resto degli italiani, andranno alle urne per eleggere il nuovo Parlamento. Liste e nomi (circa 1.700 quelli che riguardano i bergamaschi) sono ora al vaglio degli organismi di controllo: ma, ieri sera alle 20, questo era l’esito finale della corsa alla presentazione delle liste, dunque anche quelle regionali lombarde per il Senato e le altre per la Circoscrizione Lombardia 2 della Camera, dov’è inserita anche la provincia di Bergamo.Intanto in Forza Italia a Bergamo c’è chi incassa la riconferma e chi invece si lecca le ferite. Se nel 2001 la pattuglia azzurra contava 3 deputati e 1 senatore (diventati 2 strada facendo), questa volta di sicuro ci sono solo i 2 rappresentanti alla Camera (Giorgio Jannone e Gregorio Fontana), mentre il candidato al Senato meglio posizionato è Valerio Carrara (13°). Il senatore uscente Vittorio Pessina è al 17° posto. Bergamo è invece rappresentata ampiamente, nelle posizioni che contano, sul fronte della Lega. Tra gli eleggibili a Montecitorio figurano infatti Carolina Lussana e Giacomo Stucchi, mentre Roberto Calderoli, Ettore Pirovano e Sergio Rossi (Castelli è in quota a Lecco) corrono in posizioni «utili» per il Senato. «Negli elenchi di nessun altro partito – dice Cristiano Forte, segretario provinciale del Carroccio – il nostro territorio è rappresentato così bene. La Lega è la forza politica che piazzerà il più alto numero di parlamentari orobici».Acque agitate invece in casa Udc per liste che non hanno tenuto conto delle indicazioni locali e regionali: è critico il segretario provinciale del partito Adriano Baggi, che si è ritrovato ieri con liste diverse rispetto a quelle concordate a Roma nei giorni scorsi. In quella definitiva per la Camera figurano ai vertici Casini, Cesa, Volontè, Conti e Franco Massi, bergamasco, già vicesegretario regionale Udc.(07/03/2006)

© RIPRODUZIONE RISERVATA