Venerdì 14 Aprile 2006

Scontro frontale, grave bimbo di 6 anni

Uno scontro frontale violentissimo, con un bambino di soli sei anni rimasto gravemente ferito. È il bilancio dell’incidente accaduto ieri, pochi minuti prima di mezzogiorno, sull’ex statale 470 Dalmine-Villa D’Almè, nel territorio comunale di Treviolo. E proprio verso la sua casa in località Roncola di Treviolo stava viaggiando Giuseppe F., 37 anni, alla guida della sua Seat Ibiza, sulla quale c’era anche il figlioletto A. F., nato nel 2000. La prima ipotesi della polizia stradale di Bergamo, intervenuta per i rilievi, è che il bambino viaggiasse sul sedile anteriore del passeggero: questa circostanza è comunque ancora al vaglio degli inquirenti. Quello che è certo è che la Seat Ibiza, che viaggiava da Dalmine verso Treviolo, si è improvvisamente scontrata con un furgone modello Scudo, che arrivava dalla direzione opposta. L’incidente si è verificato in un tratto rettilineo dell’ex statale, compreso tra l’incrocio semaforico di Albegno e quello con la strada che porta a Dalmine. L’esatta dinamica dello scontro è ancora al vaglio degli agenti della Stradale: la prima ipotesi, comunque ancora da confermare, è che uno dei mezzi, pare il furgone, abbia invaso la corsia opposta di marcia, forse durante un sorpasso. L’impatto tra lo Scudo e la Ibiza è stato violentissimo. I due mezzi si sono centrati in pieno: dopo lo scontro, il furgone è rimbalzato all’indietro, finendo con la parte anteriore nel prato, fuori dalla carreggiata. Anche la Seat Ibiza condotta dal trentasettenne della Roncola è rimbalzata sulla carreggiata. Ad avere la peggio il bambino di sei anni: il piccolo è stato soccorso dal personale del 118, intervenuto sul posto con un’ambulanza. Dopo le prime cure, il piccolo è stato accompagnato agli Ospedali Riuniti di Bergamo, dove si trova ricoverato nel reparto di Chirurgia pediatrica. Vista la gravità delle sue condizioni, i medici si sono riservati la prognosi. Anche il padre del piccolo è stato portato ai Riuniti di Bergamo: se la caverà nel giro di 30 giorni. Prognosi ancora inferiore per il conducente del furgone, A. E., 77 anni, di Villa d’Almè. Per lui una ventina di giorni: è stato accompagnato all’ospedale di San Giovanni Bianco per accertamenti. A causa dell’incidente, tra mezzogiorno e le 14 si sono formate lunghe code sulla Dalmine-Villa d’Almè, in entrambe le direzioni di marcia: oltre alla Stradale, sono intervenuti i carabinieri di Almè per regolare il traffico. Per recuperare l’auto incidentata è arrivato un carro attrezzi delle Officine Lozza di Dalmine, mentre per il recupero del furgone si è reso necessario l’intervento di una gru della Ovid di Dalmine. Attorno alle 14 il personale Anas ha ripulito la strada e la circolazione è tornata alla normalità.(14/04/2006)

e.roncalli

© riproduzione riservata