Lunedì 12 Settembre 2005

Scontro frontale tra due motomuore un giovane di Nembro

Ancora una vittima della strada, ancora un centauro. La mortale disgrazia è accaduta verso le 15.30 nel pomeriggio di domenica 11 settembre, a Odolo, nel Bresciano. La vittima, Gabriele Zanatta, un saldatore di Nembro di 28 anni, ha perso la vita scontrandosi frontalmente con un altro centauro. Il giovane bergamasco, in sella a una Yamaha "R1" 1000, si è scontrato con una motocicletta dello stesso tipo condotta da un trentenne di Pezzaze (Brescia), ricoverato con prognosi riservata.

L’incidente è accaduto in una curva lungo un tratto di strada collinare della provinciale 237 del Caffaro al confine tra la Valsabbia e la Valle del Garza. Nel violento scontro i due centauri sono finiti a terra. I primi soccorsi li hanno portati motociclisti in transito. La strada, infatti, è molto frequentata dagli amanti delle due ruote e, purtroppo, teatro di incidenti anche mortali. Sul posto è giunta l’eliambulanza, ma i medici dell’Ospedale Civile di Brescia non hanno potuto far nulla per Gabriele Zanatta. Gabriele Zanatta lascia i genitori cinquantenni Mario e Franca, l’uno pensionato, l’altra casalinga; due fratelli, il trentunenne Marco, e Stefano, di 21 anni; e la fidanzata. La famiglia Zanatta abita a Nembro, in un condominio di via Torquato Tasso. Gabriele, 28 anni compiuti lo scorso gennaio, era conosciuto in paese anche con il soprannome di «Zaza» e lavorava come saldatore alla Rondifer di Nembro da pochi mesi. La sua passione, a detta di chi lo ha conosciuto, è sempre stata la moto: la R1 su cui viaggiava era la sua terza motocicletta Yamaha. (12/09/2005)

ma.bucarelli

© riproduzione riservata

Tags