Giovedì 16 Agosto 2007

Una bombola perde gas, scoppia una fiammata
Un uomo e la figlia 20enne ustionati gravemente

Due persone, un uomo e la giovane figlia, ventenne, sono rimaste gravemente ustionate a Zambla Alta, a causa di una fiammata che si è sprigionata al momento dell’accensione di una caldaia: la scintilla dell’apparecchio ha infatti dato fuoco al gas disperso nell’aria probabilmente a causa di una perdita della bombola, forse chiusa male. L’uomo è ricoverato all’ospedale di Bergamo, mentre la figlia, più grave, è stata trasportata al centro gravi ustionati di TorinoTutto è accaduto ieri sera, verso le 21, a Zambla Alta, dove l’uomo, originario del paese, tornava spesso in villeggiatura. Fatale è stato il momento dell’accensione della caldaia: una perdita di gas dalla bombola aveva infatti saturato l’aria dello stanzino apposito e l’innesco della scintilla ha provocato una grande fiammata, che ha investito in pieno l’uomo e la figlia. Subito è stato dato l’allarme e sul posto sono intervenuti i soccorritori, con i vigili del fuoco e i carabinieri di Zogno. Le condizioni della giovane sono parse subito difficili e per questo è stato disposto il suo trasferimento a Torino, in una struttura specializzata.(16/08/2007)

a.campoleoni

© riproduzione riservata