La calata dei mille agricoltori I bergamaschi invadono Expo

La calata dei mille agricoltori
I bergamaschi invadono Expo

Un migliaio di agricoltori bergamaschi domani invaderà l’Expo di Milano e con tutti gli altri giovani, donne, uomini e anziani provenienti delle campagne italiane farà conoscere al mondo una realtà da primato per capacità di innovazione, creatività, salvaguardia delle tradizioni, rispetto ambientale e sicurezza alimentare.

Un migliaio di agricoltori bergamaschi domani invaderà l’Expo di Milano e con tutti gli altri giovani, donne, uomini e anziani provenienti delle campagne italiane farà conoscere al mondo una realtà da primato per capacità di innovazione, creatività, salvaguardia delle tradizioni, rispetto ambientale e sicurezza alimentare.

Domani martedì 15 settembre mattina si svolge infatti la “Giornata dell’Agricoltura italiana” promossa da Coldiretti alla quale parteciperanno decine di migliaia di agricoltori provenienti da tutte le regioni impegnati quotidianamente per realizzare l’obiettivo “Nutrire il Pianeta Energia per la Vita” fissato dall’Esposizione Universale. Una responsabilità testimoniata dalla presenza del Presidente del Consiglio Matteo Renzi, insieme al Presidente nazionale della Coldiretti Roberto Moncalvo.

«In questi giorni tra i nostri associati c’è un grande fermento – sottolinea il presidente di Coldiretti Bergamo Alberto Brivio – e una grande voglia di sottolineare l’importanza a trecentosessanta gradi del settore agricolo e la necessità di sostenerlo e difenderlo perché rappresenta un patrimonio importante che nonostante le difficoltà sta contribuendo attivamente alla rilancio del nostro Paese. Dopo la manifestazione al Brennero per denunciare tutte le “schifezze” che entrano nel nostro Paese con gravi ripercussioni sul Made in Italy, gli agricoltori bergamaschi sanno presenti in modo massiccio anche alla Giornata dell’Agricoltura Italiana” per testimoniare che il tema di Expo “Nutrire il pianeta, energia per la vita “ è per loro un concreto impegno quotidiano».

Nell’area espositiva saranno allestiti spazi rappresentativi della diversificata realtà dell’agricoltura italiana raccontata attraverso le storie ed i volti dei veri protagonisti, che saranno al lavoro per far conoscere le proprie esperienze. Un’occasione unica per toccare con mano la rivoluzione in atto nelle campagne italiane dove per l’attività agricola si sono aperte nuove e straordinarie opportunità imprenditoriali ed occupazionali.

Dall’agriwellness alla moda, dall’agritata al wedding planner contadino fino alle fattorie sociali, ma anche il ritorno di antichi mestieri come il carbonaio o le nuove filandaie di lino o seta e l’utilizzo nei campi di nuove tecnologie come i droni.

Ma ci sarà pure chi oggi in Italia coltiva banane, avocado, passion fruit, bambu e arachidi o produce con successo mondiale caviale Made in Italy o ancora ha introdotto coltivazioni specifiche per le tavole degli immigrati insieme agli agricoltori custodi impegnati a conservare da generazioni prodotti con storie millenarie che saranno esposti per l’iniziativa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA