I volontari, la grande forza di Gorlago Folla e l’Eco café alla fiera di Sant’Andrea

I volontari, la grande forza di Gorlago
Folla e l’Eco café alla fiera di Sant’Andrea

«La festa di Sant’Andrea è una tradizione che si rinnova tutti gli anni: con le associazioni in piazza, vogliamo dare un segno di allegria e solidarietà».

Il sindaco di Gorlago, Gianluigi Marcassoli, è intervenuto alla fiera di Sant’Andrea che ha aperto i battenti domenica mattina 29 novembre nel centro del paese ed è proseguita per tutta la giornata. Ospite della kermesse lo stand de L’Eco café, la piattaforma itinerante de L’Eco di Bergamo.

Fiera di Sant’Andrea a Gorlago

Fiera di Sant’Andrea a Gorlago
(Foto by Alex Persico Fotografia)

La fiera è stata una delle tantissime iniziative organizzate dall’amministrazione comunale in occasione della festa di Sant’Andrea. Mentre sabato mattina si è svolta la festa dei nonni insieme all’inaugurazione degli orti didattici alla scuola primaria, domenica è stata aperta la mostra fotografica «I lavoratori del cibo», in esposizione nella sala civica fino al 13 dicembre.

Il gruppo volontari Auser

Il gruppo volontari Auser
(Foto by Alex Persico Fotografia)

Protagonista della giornata è stata la fiera di Sant’Andrea, una vetrina per alcune delle numerose associazioni presenti sul territorio. Lungo le vie del centro storico c’erano gli stand delle organizzazioni, dall’Avis-Aido all’Africall. Antonio Manenti, presidente dell’Aido Gorlago: «Abbiamo 300 donatori. L’anno prossimo festeggeremo i 35 anni di fondazione. Ci sarà una grande festa in tutto il paese. È importante richiamare i giovani al messaggio che sta alla base della nostra associazione: donare è favoloso. È un segno d’ amore verso tutti». Per la sezione Avis Antonio Sangaletti ricorda l’avvicinarsi del 50° anniversario in calendario nel 2016. «Faremo la sfilata e verranno premiati i nostri donatori più affezionati. Siamo 220 iscritti e facciamo una media di 320- 330 donazioni all’anno. La nostra è un’associazione giovane che punta sui giovani: sono la nostra forza».


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola lunedì 30 novembre 2015

© RIPRODUZIONE RISERVATA