L’Eco café e Storylab a Parre
Obiettivo 100 mila scarpinocc

Dai 60.000 ai 70.000 scarpinocc consumati nelle ultime edizioni: sono i numeri che già la dicono lunga sulla fama della tre giorni in programma a partire da venerdì sera a Parre. Quest’anno si punta a 100 mila.

Arriva lo staff di L’Eco café con anche i progetti Kauppa, Storylab e Kendoo.it.

L’Eco café e Storylab a Parre  Obiettivo 100 mila scarpinocc
Grande attività in cucina per il via alla sagra

Dai 60.000 ai 70.000 scarpinocc consumati nelle ultime edizioni: sono i numeri che già la dicono lunga sulla fama della tre giorni in programma a partire da venerdì sera a Parre.

Dopo il successo dell’edizione della scorsa settimana a Rovetta, lo staff di L’Eco café (con anche i progetti Kauppa, Storylab e Kendoo.it) torna in pista anche questo sabato.

E la 49ª edizione della manifestazione non teme il maltempo visto che si terrà al coperto nella nuova struttura recentemente inaugurata all’oratorio. Gli organizzatori puntano a fare il botto e per festeggiare la nuova location si sono dati un grande obiettivo: 100.000 scarpinocc.

La sagra in questione se non è la più longeva della bergamasca poco ci manca. «Abbiamo iniziato nel 1962 quasi per ridere (l’avvio ufficiale è avvenuto nel 1965) – racconta Sandro Scainelli –, mai avremmo potuto immaginare che la cosa avrebbe potuto assumere una dimensione tale. Anno dopo anno è diventata sempre più importante. Ho iniziato a preparare gli scarpinocc con Andrea Cossali, detto Taioli (come un cantante del tempo che Cossali sapeva imitare bene)».

Le cucine (aperte dalle 19) sforneranno altre prelibatezze: grigliate, costine e strinù con l’immancabile polenta. Domenica è prevista inoltre un’escursione sulle montagne di Parre, molto semplice e fruibile anche dalle famiglie, e nel pomeriggio la visita guidata alla chiesa parrocchiale dove non mancano opere di artisti importanti come il Moroni. Ogni sera tombolata con premi a tema: venerdì 22 in palio viaggi, soggiorni e cene; sabato gioielli e domenica tecnologia.

Tutto su L’Eco di Bergamo del 22 agosto

© RIPRODUZIONE RISERVATA