Giovedì 11 Febbraio 2010

Albergatori, Freschi presidente
«Darò slancio alla categoria»

Giovanni Freschi, 45 anni, è il nuovo presidente degli albergatori bergamaschi di Confesercenti. Titolare dell'Hotel Ristorante Giordano di Cavernago e del locale Boutique Cafè Giordano Cigar Room in centro a Bergamo, è pronto a mettere a disposizione della categoria il bagaglio di competenze che gli deriva dalla quarantennale esperienza della sua famiglia nel settore. Freschi è anche membro della Presidenza nazionale di Asshotel: porterà a Roma le esigenze degli imprenditori bergamaschi.

“Rappresentare la nostra provincia è un onore, mi consentirà di allacciare relazioni ad alto livello con il mondo economico e istituzionale, in modo che Bergamo diventi un interlocutore privilegiato – spiega Freschi – Per prima cosa però cercherò di ascoltare i miei colleghi e prendere nota di quelli che sono i nostri problemi. Serve uno slancio nuovo alla categoria, per dare impulso a tutto il turismo bergamasco”.

Il neo presidente ha le idee chiare sul da farsi: “Abbiamo la fortuna di avere Città Alta, l'aeroporto e strutture ricettive di qualità. Dobbiamo saper sfruttare tutto questo. La prima cosa è farci conoscere all'estero, anche tramite un portale Internet che riunisca l'offerta alberghiera orobica. Le piccole strutture come le nostre devono capire che bisogna unirsi per contare di più e contrastare la concorrenza delle grandi catene: occorre studiare strategie di marketing comuni per essere vincenti. Internet è importante perché il turista deve conoscere Bergamo prima di partire: quando sbarca a Orio è troppo tardi, finisce che se ne va a Milano o altrove”.

Intercettare il flusso turistico, ecco la sfida da vincere. Grazie anche a un salto di qualità nell'accoglienza: “Sarà fondamentale la formazione del personale. I giovani devono aver voglia di fare: lavorare con il sorriso costa meno fatica che tenere il muso lungo. Io lo dico sempre. Quindi bisognerà puntare molto sulle capacità relazionali, prendendo esempio da trentini e romagnoli. Il nostro è un mestiere bellissimo: ogni giorno abbiamo la possibilità di incontrare gente proveniente da tutto il mondo, questo aspetto da solo dovrebbe renderci felici”.

a.ceresoli

© riproduzione riservata