Lunedì 07 Marzo 2011

L'assicurazione auto, nel 2011
l'incremeno medio è del 12%

«Dopo i rincari nel settore rc auto registrati lo scorso anno, in media del +18%, quest'anno le tariffe per assicurare la propria auto continuano a salire, registrando un incremento medio del +12%». Come ogni anno l'Osservatorio Nazionale Federconsumatori ha effettuato il proprio monitoraggio sul costo delle tariffe rc auto, prendendo a campione le prime cinque compagnie assicurative, che coprono oltre il 60% del mercato.

«L'indagine, che ha preso a campione aree del Nord, del Centro e del Sud del Paese - informa una nota - e' stata effettuata utilizzando i preventivi messi a disposizione dalle compagnie stesse, nonche' attraverso le numerosissime segnalazioni che ci pervengono dai cittadini, nei nostri oltre 1.000 sportelli sul territorio nazionale. A crescere in misura maggiore, ancora una volta, le tariffe per i neopatentati, con picchi di aumento che superano anche il 25%. Non sono da meno le tariffe per i cinquantenni che, anche in 1 classe, hanno subito aumenti fino ad oltre il 20%. Questa nuova ondata di aumenti fa crescere ancora l'impressionante bilancio dei rincari registrati dal 1994 ad oggi, pari ad oltre 186%! Ad aggravare la situazione - afferma Federconsumatori - contribuiscono anche le azioni di disdetta e l'abbandono di polizze assicurative da parte delle compagnie, soprattutto nel Sud. Sono sempre piu' numerose le denunce dei consumatori relativamente al fatto che molte compagnie di assicurazione disdicono, senza motivazione alcuna, i contratti assicurativi, per poi riproporli con aumenti esagerati, che raggiungono anche il doppio delle tariffe precedenti».

«Un andamento vergognoso ed intollerabile, al quale bisogna porre fine», affermano in una dichiarazione congiunta Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, presidenti di Federconsumatori ed Adusbef. «Per questo richiediamo interventi immediati che aumentino la competitivita' in tale settore, attraverso l'incremento ed il potenziamento del ruolo degli agenti plurimandatari». (Radiocor)

a.ceresoli

© riproduzione riservata