Giovedì 30 Giugno 2011

Caso Promatech: sui 105 esuberi
le posizioni sono ancora distanti

Sono ancora distanti le posizioni fra sindacato e azienda nel «caso» Promatech e l'incontro di mercoledì, che aveva all'ordine del giorno la discussione sugli incentivi all'esodo, è stato definito dalle parti sostanzialmente «interlocutorio».

La posizione di Promatech è chiara: «L'azienda valuterà le soluzioni che renderanno possibile la ristrutturazione entro l'anno, senza strascichi nel 2012», precisa il direttore delle risorse umane Promatech Federico Clemente.

Per i sindacati c'è l'urgenza di «trovare un accordo sulla mobilità entro luglio che ci permetta di estendere la copertura degli ammortizzatori sociali fino a fine anno (la cassa speciale scade il 21 agosto, ndr)», come spiega Giancarlo Carminati della Fim-Cisl di Bergamo.

La procedura di mobilità per i 105 esuberi dichiarati, infatti, è stata aperta intorno a fine maggio e trascorsi i 75 giorni di tempo previsti dalla normativa per raggiungere un'intesa, l'azienda può procedere ai licenziamenti. Carminati, in riferimento al tema degli incentivi all'esodo, precisa che «l'azienda si è resa disponibile al dialogo, ma occorre guardare la situazione nel suo insieme, senza dimenticare che il tutto è sotteso alla volontà di lasciare a casa le persone (sono una cinquantina circa i dipendenti che, su 105 esuberi dichiarati, non hanno firmato un preaccordo di non opposizione alla messa in mobilità, ndr) entro la fine dell'anno».

Leggi tutto su L'Eco di Bergamo del 30 giugno

r.clemente

© riproduzione riservata