Mercoledì 30 Maggio 2012

«I giovani sono il nostro futuro»
La Bcc premia 29 laureati

Sono nati tra il 1983 e il 1988 i 29 ragazzi che hanno ricevuto il Premio di Laurea istituito per l'undicesimo anno consecutivo dalla Banca della Bergamasca con l'obiettivo non solo di premiare i neolaureati per l'importante traguardo scolastico raggiunto, ma anche di supportarli nell'affrontare l'ingresso nel mondo del lavoro.

In occasione della cerimonia di consegna svoltasi nella sede di Zanica, le 17 ragazze e i 12 ragazzi premiati hanno ricevuto dalle mani del presidente Azzola e del direttore generale Marino Ghilardi, oltre ad una pergamena di riconoscimento, anche un assegno di 400 euro che fosse di buon auspicio per l'inizio della loro attività lavorativa o per il proseguimento della loro formazione.

Destinato ai soci laureati con il vecchio e il nuovo ordinamento, questo riconoscimento, che dal 2001 ad oggi ha premiato 407 neolaureati, dà voce alla fiducia che da sempre la BCC della Bergamasca ripone nelle nuove generazioni. «I giovani sono la linfa vitale per il nostro futuro – ha commentato Giobattista Azzola – soprattutto in un periodo congiunturalmente complicato come quello che stiamo vivendo. Questo “Premio” vuole essere un riconoscimento di merito al lavoro che hanno svolto sui libri sino ad oggi e, contemporaneamente, un “portafortuna” per il loro futuro professionale, oltre ad uno stimolo per approcciare con grinta e umiltà il mondo del lavoro. La voglia di fare, la caparbietà e la preparazione verranno sicuramente premiati, purchè, soprattutto nella fase iniziale, si dimostreranno disponibili a svolgere attività anche non in perfetta linea rispetto ai propri studi. Ogni esperienza, debitamente sfruttata, potrà fare da trampolino alla loro affermazione professionale».

fa.tinaglia

© riproduzione riservata