Giovedì 18 Aprile 2013

L'appello del settore del legno
«Riaprite la trattativa per il contratto»

I sindacati del settore del legno hanno approvato all'unanimità un documento nel quale si sottolinea il grande disagio che i lavoratori stanno vivendo nei luoghi di lavoro per la sospensione unilaterale da parte di Federlegno delle trattativa per il rinnovo del conntratto nazionale del settore.

“Le assemblee nei luoghi di lavoro dei 20.000 lavoratori della Lombardia hanno respinto le motivazioni pretestuose di Federlegno che costituirebbero un arretramento contrattuale". È quanto scrivono le RSU di FENEAL UIL, FILCA CISL e FILLEA CGIL del comparto legno della Lombardia.

I problemi sono "'unilateralità aziendale nel gestire il mercato del lavoro, mancato riconoscimento del lavoro straordinario, computo dell'orario ordinario su base annuale, compressione di diritti e del salario per gli apprendisti, appartengono ad una idea del lavoro che non combacia con gli orientamenti del settore espressi dalle aziende al recente salone internazionale del settore di Milano".

Serve mettere in campo - scrivono i sindacati - una logica che prevede di vincere la scommessa lanciata dal salone internazionale del mobile passando attraverso la sapienza professionale che trasuda dalle mani dei lavoratori.

Le circa 100 assemblee fatte e i 5.000 lavoratori coinvolti in queste due settimane costituiscono circa la metà. Del percorso assembleare indetto da FeNEAL FILCA e FILLEA Nazionali. Il confronto che si è sviluppato con alcune direzioni aziendali hanno evidenziato che le imprese non conoscevano le posizioni di Federlegno e che i temi avanzati hanno trovato soluzioni con l'attuale contratto vigente.

«È nostra precisa responsabilità sociale chiedere di riaprire immediatamente il tavolo di trattativa sindacale per il rinnovo del CCNL, in base alle regole pattizie tra le parti sottoscritte nel precedente contratto. La crisi economica e politica che il paese sta vivendo non devono essere antitetiche al rinnovo del CCNL che garantisce condizioni minime a tutti i lavoratori del settore.
Le segreterie regionali di FeNEAL FILCA FILLEA trasmetteranno i verbali delle assemblee a Federlegno per far si che ascolti la voce delle lavoratrici e dei lavoratori».

«È responsabilità di tutti - concludono i sindacati - gestire insieme le crisi attuali, rimettendo al centro le persone che lavorano nelle aziende, rimuovendo le pregiudiziali dei funzionari presenti al tavolo negoziale, salvaguardando i posti di lavoro. L'assemblea chiede al presidente di Confindustria Giorgio Squinzi di rinnovare tutti i CCNL oggi in discussione prima di discutere del presunto patto interconfederale per rilanciare il lavoro».

r.clemente

© riproduzione riservata