Mercoledì 28 Gennaio 2009

Un aiuto in più
Torna Impresa Donna

Riaprono le adesioni per lo sportello del Punto In.Formativo dell’Impresa Donna, attivo presso l’Associazione Artigiani di Bergamo dal 2002, un progetto coordinato da Bergamo Formazione e finanziato dalla Camera di Commercio di Bergamo con lo scopo di supportare le donne imprenditrici nella gestione e organizzazione aziendale attraverso servizi di mentoring e consulenza continua.

Due sono le linee di azione del progetto: una, indirizzata alla generalità delle imprenditrici, consiste nel fornire le informazioni necessarie all’avvio di una nuova attività, alla gestione/organizzazione dell’impresa e alla realizzazione di un buon rapporto con il mercato; l’altra, che prevede consulenze specifiche gratuite in molteplici settori legati alla conduzione di un’impresa - quali ad esempio marketing, informatica, amministrazione del personale, controllo di gestione - è rivolta ad un numero di aziende “al femminile” che verranno selezionate, previa domanda di adesione da presentare allo sportello.

Per queste ultime imprese è prevista anche la realizzazione di una homepage gratuita sul sito Internet www.puntoinformativo.org. Le imprese interessate ad usufruire delle consulenze gratuite per l’anno 2009 sono invitate a contattare quanto prima l’ufficio Punto In.Formativo dell’Impresa Donna, inviando un’e-mail a: [email protected] o un fax allo 035.274308.
Le richieste, che consentiranno di partecipare alle selezioni, verranno considerate fino ad esaurimento dei posti disponibili: le imprese associate all’Associazione Artigiani, inoltre, possono rivolgersi allo sportello per lasciare il proprio nominativo e ricevere informazioni nel caso di convegni/seminari, leggi agevolative, con particolare riferimento alle tematiche relative all’imprenditoria femminile.

Il Punto In.Formativo dell’Impresa Donna è in via Torretta 12 a Bergamo (primo piano) presso la sede dell’Associazione Artigiani (responsabile dott.ssa Ivana Belotti - tel. 035.274233).

Nell’anno 2008 sono state erogate consulenze a 20 imprese appartenenti ai vari settori dell’artigianato raggruppabili per il 40% nel macrosettore dei servizi alle persone e alle imprese (aziende di acconciature/estetica, servizi idraulici, servizi di assemblaggio in genere, montaggio scaffalature e una legatoria), per il 25% nella produzione aziendale e conto terzi (settore meccanico, tessile, plastica ed elettrico) e per il 35% nella produzione e vendita al consumatore finale (legno-arredo, alimentare, tessile, ottica e toelettatura animali). Gli interventi di consulenza specialistica hanno interessato tematiche di vario tipo in base alle diverse necessità espresse dalle aziende: marketing (21,00%), mentoring (20,75%), informatica (19,00%), controllo di gestione (18,75%), sviluppo strategia aziendale (10,25%), fiscalità d’impresa (4,75%), grafica pubblicitaria (3,75%), sicurezza sul lavoro (0,75%); commercio estero e ricerca clienti (0,50%), amministrazione del personale / contratti di lavoro (0,50%).

fa.tinaglia

© riproduzione riservata

Tags