Lunedì 16 Marzo 2009

La crisi taglia il lusso in Lombardia
Bando a favore del settore dei gioielli

Battuta di arresto con la crisi anche per i settori del lusso lombardo. Dal quarto trimestre 2007 al quarto 2008 le imprese lombarde attive nel settore gioielli e articoli di oreficeria sono diminuite del 4,6%. Rallenta nel 2008 anche il commercio estero in questo settore che ha visto diminuire le esportazioni dei prodotti orafi lombardi del 8,9%. A rilevarlo un’elaborazione della Camera di commercio di Milano su dati del Registro Imprese al quarto trimestre 2008 e Istat al terzo trimestre 2008

In totale sono 4.466 le imprese attive in Lombardia al quarto trimestre 2008 nel settore orafo tra fabbricazione, agenti intermediari, vendita al dettaglio e all’ingrosso. Rappresentano il 12,2% del totale italiano, rendendo la Lombardia regione leader del settore. Fra le province lombarde, prima è Milano che, con 2.268 imprese, rappresenta il 50,8% del totale regionale e il 6,2% di quello italiano. Seguono Brescia (451 imprese, il 10,1% del totale lombardo) e Bergamo (370 imprese, l’8,3% del totale regionale).

La Lombardia ha esportato nei primi nove mesi del 2008 quasi 409 milioni di euro in gioielli e prodotti orafi nel mondo, ma il dato è in calo dell’8,9% rispetto al 2007. Anche l’interscambio complessivo, che supera i 634 milioni di euro, è in diminuzione del 4,3 % in un anno.

Per sostenere le micro, le piccole e le medie imprese dei settori orafo e gemmologico la Camera di Commercio di Milano insieme a quella di Monza lanciano un bando per un valore complessivo di 300 mila euro. Le risorse, erogate sotto forma di voucher nominativi alle imprese, sono destinate all’acquisto di servizi di analisi gemmologica, offerti da laboratori riconosciuti dalla Camera di Commercio pertanto in grado di garantire la qualità e la trasparenza dei certificati di analisi rilasciati. Le domande potranno essere inoltrate entro il 17 luglio 2009. Per informazioni 02/85154526. e-mail [email protected] Per informazioni www.mi.camcom.it.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata