Lunedì 16 Marzo 2009

Italease, opa del Banco Popolare
Scatta il piano di salvataggio

Banca Italease esce dal listino di Piazza Affari, mentre scatta il piano di salvataggio messo a punto dalle banche popolari azioniste. Ci sarà lo smembramento della società e la creazione di due nuove società: una la «bad bank» e l'altra quella in attivo.
Le banche azioniste, con capofila il Banco Popolare (quota del 30%), hanno lanciato l'ultimo salvagente volto a rimettere in carreggiata la propria partecipata. Per prima cosa avviene il «delisting» da Piazza Affari, dopo quasi 4 anni di quotazioni: il Banco ha deciso di lanciare un'Opa sul 100% del capitale.
La banca verrà smembrata per creare la cosiddetta «bad bank», dove confluiranno i circa 4 miliardi di asset tossici, che dovrebbe accollarsi il Banco Popolare all'80% e la Popolare dell'Emilia Romagna all'11% (Pop. Sondrio al 6% e Bpm al 3%). Si tratta soprattutto di crediti difficilmente esigibili, ovvero di leasing deteriorati erogati durante la gestione precedente, con rate scadute e non pagate che ammontano a circa 180 milioni di euro.
A un'altra società andrà invece la «polpa» dell'istituto. In particolare, l'azionariato dovrebbe vedere la Bper al 36%, il Banco Popolare al 33%, la Bpm al 10% e la Sondrio al 21%. Il perfezionamento dell'operazione dovrebbe avvenire entro fine anno.

a.campoleoni

© riproduzione riservata

Tags