Giovedì 28 Maggio 2009

Aperto il mercato della Celadina
Gli ambulanti sono soddisfatti

"L’Amministrazione di Bergamo ha dato una risposta concreta alla crisi che attanaglia il commercio: invece di chiudere i mercati, ne ha aperto uno nuovo". Cesare Rossi, segretario provinciale di Anva Confesercenti, esprime soddisfazione per il debutto del mercato della Celadina, che ogni giovedì sarà un appuntamento fisso per i consumatori del quartiere e in generale della città di Bergamo.

“Per i nostri operatori questa è una opportunità di lavoro e una scommessa da vincere – spiega Rossi - L'orario pomeridiano è una grande novità: pensiamo sia gradita soprattutto ai lavoratori, che per ovvie ragioni non possono frequentare il mercato mattutino della Malpensata. Anche chi esce dall’ufficio potrà finalmente recarsi a fare la spesa tra i banchi degli ambulanti. Si tratta di una valida alternativa sotto il profilo della qualità e del prezzo”.

Finora sono stati assegnati 36 piazzole sulle 45 disponibili: il Comune ha già riaperto il bando per l’occupazione dei posti rimanenti. “L’assegnazione delle piazzole sulla base dei settori merceologici è una garanzia della qualità commerciale. Si potrà infatti cedere la licenza solo ad ambulanti che vendono lo stesso tipo di merce: una regola che dovrebbe impedire lo scadimento dell’offerta come è purtroppo avvenuto in altre piazze. Bisogna però dire che cinque banchi di frutta e verdura proprio davanti alla sede del mercato ortofrutticolo forse sono un po’ troppi. Meglio sarebbe stato riservare spazi a settori merceologici diversi. Manca, ad esempio, un banco con prodotti per i bambini. Altro piccolo appunto: si poteva pubblicizzare meglio l’inaugurazione, tanta gente non ne era informata”.

Nonostante questo, il primo giorno ha registrato un buon afflusso di pubblico, segno che la scelta di collocare le bancarelle lungo via Borgo Palazzo si è rivelata azzeccata. “Lo sforzo sia da parte del Comune che delle associazioni di categoria è stato notevole – spiega Rossi - in particolare, è stata fondamentale la decisione di dotare l'area dei necessari allacciamenti alla corrente elettrica, indispensabili per consentire agli operatori alimentari di rispettare la normativa igienico-sanitaria imposta dall'ASL a tutela dei consumatori”.

La corrente consentirà anche di illuminare i banchi se, come sembra, si deciderà di estendere fino a sera l'orario di mercato, soprattutto nel periodo estivo. “Siamo ancora in una fase sperimentale – conclude Rossi – Uno dei prossimi passi sarà quello di dotare il nuovo mercato di un regolamento specifico, in attesa di aggiornare l’intera normativa comunale riguardante il commercio su aree pubbliche”.

Il mercato si terrà ogni giovedì pomeriggio, dalle 15 alle 19.30, in via Borgo Palazzo, all’angolo con via Verne.

a.ceresoli

© riproduzione riservata

Tags