Martedì 22 Settembre 2009

Giovedì al presidio si va in tram
Protestano i lavoratori Comital

Scenderanno dalla Val Seriana tutti insieme, col nuovo tram delle valli, per radunarsi in viale Papa Giovanni. Per i lavoratori della Comital di Nembro quella di giovedì mattina, 24 settembre, non sarà però una gita: la trasferta si trasformerà in un presidio organizzato «per non arrendersi e per non restare senza una prospettiva di lavoro».

Dalle 9 alle 12 saranno davanti alla sede dell’assessorato provinciale all’Istruzione, Formazione e Lavoro, dove una delegazione dovrebbe incontrare l’assessore Enrico Zucchi.

Nell’azienda metalmeccanica di Nembro, che fa parte del gruppo M&C ed è specializzata in laminati in alluminio, tutti i 97 lavoratori sono in cassa integrazione straordinaria per cessata attività da maggio. I macchinari sono fermi dall’inizio di giugno.

Ogni settimana vengono riavviati a vuoto, per evitare che l’immobilità li danneggi. Questo processo, però, è garantito dalla proprietà solo fino alla fine di ottobre. Intanto si aspetta un compratore.

«Sfumato l’interesse di alcuni possibili acquirenti che si erano fatti avanti, l’ultimo dei quali appena una decina di giorni fa, ora i lavoratori scendono in presidio per richiamare l’attenzione sulla loro situazione - spiega Severino Masserini della Fiom Cgila di Bergamo -. Giovedì chiederemo un impegno anche all’amministrazione provinciale, dopo l’incontro che abbiamo avuto, prima dell’estate, con la Regione Lombardia. La nostra intenzione è quella di spingere affinché per Comital si attinga ai fondi previsti per il Protocollo d’intesa siglato ad aprile e dal titolo “Progetti e programmi per il rilancio economico della Valle Seriana e delle aree di crisi della provincia”, quello che ha visto la firma di Confindustria Bergamo, Imprese&Territorio, Cgil, Cisl e Uil. Non capiamo perché ancora i fondi non siano arrivati: non avrebbe senso stanziarli a crisi finita e a fabbriche chiuse. In particolare, ci aspettiamo che Confindustria, fino ad ora poco attiva in questa vicenda, si dia da fare, visto che sul protocollo c’è anche il suo nome».

r.clemente

© riproduzione riservata