Martedì 01 Marzo 2005

Artigiani, Berbenni nominato presidente dei Pasticceri

È Giosuè Berbenni il nuovo presidente del Consorzio Pasticceri Artigiani Bergamaschi dell’Associazione Artigiani di Bergamo. Berbenni, pasticcere di Montello, già vicepresidente del Consorzio, è stato chiamato lo scorso 21 febbraio dall’assemblea del Capab a succedere a Tiziano Bonati, il compianto presidente recentemente scomparso e ricordato dallo stesso Berbenni per le grandi doti e la disponibilità che hanno fatto del Capab uno dei più grandi consorzi di pasticceri in Europa.

Berbenni, nato a Montello il 10 giugno 1954, terzo di quattro figli in una famiglia di fornai, impara prestissimo il mestiere dell’arte bianca, spronato soprattutto dal padre che abitua i figli a dare una mano nel panificio prima di recarsi a scuola. A 16 anni si iscrive alla scuola di pasticceria a Bergamo, dove conosce l’insegnante Scotti, sotto la cui guida comincia ad appassionarsi alle tecniche di pasticceria che continua ad affinare nel laboratorio paterno. A 25 anni con Jole, sua moglie e collaboratrice, ha inizio l’attività in proprio: apre un piccolo laboratorio vicino a casa che nei successivi 25 anni si sviluppa fino a diventare l’odierna Pasticceria Giosuè, un rinomato negozio in cui oltre ai titolari lavorano 4 dipendenti ed, attualmente, uno stagista francese inserito in azienda per un periodo di 6 mesi nell’ambito del progetto Leonardo. Nel 1989 entra a far parte del Consorzio Pasticceri Artigiani Bergamaschi, iniziando così una preziosa collaborazione che lo porta a divenirne vicepresidente nel 2002 ed ora presidente.

Sempre in occasione dell’assemblea dei soci, è stato eletto alla vicepresidenza Giovanni Martinelli, socio della Pasticceria Due Gi di Suardi di Trescore Balneario. L’assemblea ha infine integrato il Consiglio Direttivo, riportandolo a 9 membri, con la nomina di Gian Franco Consiglio, anche lui giovane pasticcere appassionato del suo lavoro, che ha iniziato dopo la rituale gavetta la sua avventura da titolare artigiano nel 2002 in qualità di socio dell’impresa paterna "Pasticceria Margherita" di Romano di Lombardia.

(01/03/2005)

fa.tinaglia

© riproduzione riservata

Tags