Creberg, bilancio approvato Confermato il dividendo: 0.82 €

La cedola verrà pagata il 5 maggio 2005 mentre la data di stacco è fissata per il 2 maggio

Creberg, bilancio approvato Confermato il dividendo: 0.82 €

Bilancio approvato e dividendo confermato (0.82 euro per azione, +9.3% rispetto all’anno scorso) per il Credito Bergamasco, Gruppo Banco Popolare di Verona e Novara. L’assemblea dei soci - questa mattina nelle sede di Porta Nuova - ha dato via libera al rendiconto per l’esercizio 2004, chiuso il 31 dicembre, e ha anche nominato il consiglio di amministrazione e il collegio sindacale per il triennio 2005-2007.

Sul fonte dei principali indicatori dello stato patrimoniale, nel 2004 la raccolta diretta ordinaria da clientela ha raggiunto i 7.424,4 milioni di euro, + 16,8% rispetto al 2003. La raccolta diretta da clientela ha, invece, raggiunto gli 8.179,1 milioni di euro, contro i 7.870,1 milioni del 2003 (+3,9%).

Gli impieghi netti verso la clientela salgono a 8.206,3 milioni di euro (+ 5,5%).

Quanto al conto economico, lo sviluppo dell’attività di intermediazione creditizia ha permesso di contrastare gli effetti indotti sul margine della gestione del denaro dal livello registrato dai tassi di mercato, inferiore rispetto a quello dell’anno precedente. Il margine di interesse ha raggiunto a fine 2004 i 265 milioni di euro, con un progresso annuo del 2,4%.

Il monte dividendi è di 50,6 milioni di euro, contro i 46,3 milioni del 2003: 0,82 euro per azione (0.75 nel 2003), con un medio rendimento della cedola del 4,61%. Il dividendo verrà pagato il 5 maggio 2005 mentre la data di stacco è fissata per il 2 maggio (quotazione ex).

Ecco gli altri indicatori:

Margine di interesse: 265 milioni di euro (+2,4% rispetto ai 258,7 milioni del 31.12.2003)

Commissioni nette: 118 milioni di euro (+8% rispetto ai 109,2 milioni del 31.12.2003)

Margine dei servizi: 162,5 milioni di euro (+9,9% rispetto ai 147,8 milioni del 31.12.2003)

Margine di intermediazione: 436,2 milioni di euro (+4,9% rispetto ai 415,7 milioni del 31.12.2003)

Costi operativi: 213 milioni di euro (-0,6% rispetto ai 214,4 milioni del 31.12.2003)

Risultato lordo di gestione: 216,6 milioni di euro (+11,8% rispetto ai 193,8 milioni del 31.12.2003)

Utile delle attività ordinarie: 166,7 milioni di euro (+35,9% rispetto ai 122,6 milioni del 31.12.2003)

Utile delle attività ordinarie "normalizzato": +23,3% rispetto al 31.12.2003

Utile lordo: 219,2 milioni di euro (+14,2% rispetto ai 192 milioni del 31.12.2003)

Utile netto: 129,95 milioni di euro (+36,2% rispetto ai 95,4 milioni del 31.12.2003)

Utile netto "normalizzato": +28,5% rispetto al 31.12.2003

Cost/income: 50,3% (53,4% al 31.12.2003)

R.O.E.: 17,4% (13,6% al 31.12.2003)

R.O.E. "normalizzato": 13,6% (12,7% al 31.12.2003).

Il Consiglio di Amministrazione:

Rinnovando la compagine del Consiglio di Amministrazione per il triennio 2005-2007, l’assemblea ha nominato amministratori Alberto Bombassei, Emanuele Carluccio, Annamaria Colombelli, Guido Crippa, Domenico De Angelis, Carlo Fratta Pasini, Giacomo Gnutti, Fabio Innocenzi, Franco Menini, Massimo Minolfi, Alberto Motta, Antonio Percassi, Claudio Rangoni Machiavelli, Mario Ratti, Ermanno Rho, Fabio Riva e Cesare Zonca.

Il Collegio sindacale:

L’Assemblea ha anche eletto il nuovo collegio sindacale (2005-2007): Giovanni Tantini (Presidente); Fabio Bombardieri, Eugenio Mercorio, Renato Salerno, Antonio Zini (Sindaci effettivi); Stefano Berlanda e Paolo Moro (Sindaci supplenti).

Le cariche sociali:

Si è riunito anche il Consiglio di Amministrazione che ha provveduto all’attribuzione delle cariche sociali nominando presidente Cesare Zonca, vice presidenti Fabio Innocenzi e Carlo Fratta Pasini, amministratore delegato Franco Menini.

(16/04/2005)

© RIPRODUZIONE RISERVATA