Mercoledì 22 Marzo 2006

Gewiss, le vendite all’estero dannouna scossa positiva al bilancio 2005

Le vendite all’estero hanno dato una scossa positiva al bilancio 2005 del gruppo Gewiss di Cenate Sotto, consentendo all’azienda guidata dal presidente Domenico Bosatelli di chiudere l’esercizio con il fatturato in crescita dell’1% e un utile netto che sale del 19%, permettendo un dividendo stabile ad otto centesimi di euro (in pagamento dal 25 maggio).
«Malgrado la debolezza del settore elettrotecnico – rileva una nota della Gewiss - il 2005 si chiude con tutti gli indicatori di performance in miglioramento». In particolare, l’azienda evidenzia come quello passato sia stato un anno «di forte trasformazione interna in cui molto si è fatto in termini di investimenti in prodotti, processi, capitale umano e organizzazione».
In termini economici, il fatturato consolidato si è attestato a 329,4 milioni di euro in crescita dell’1,1% rispetto al 2004. Il mercato nazionale (che rappresenta il 56,6% delle vendite consolidate) ha segnato una contrazione del 3,5% (attestandosi a 186 milioni di euro) contro un incremento del 7,7% segnato sui mercati esteri (a 142,9 milioni di euro). A tirare sono in particolare il mercato iberico (Spagna e Portogallo), quello francese e i Paesi extraeuropei.
L’utile di esercizio si attesta a 37,2 milioni segnando una crescita del 19% rispetto al 2004 dopo ammortamenti per 20 milioni di euro.
Diventa attiva la posizione finanziaria netta consolidata: 15,7 milioni contro la situazione negativa di 4,4 milioni del 2004.
A livello di Spa, la Gewiss segna una sostanziale tenuta del fatturato (-0,3%) a 284,2 milioni di euro, con un fatturato nazionale che cala del 3,5% a 183,9 milioni ed esportazioni che crescono del 6,2% a 100,2 milioni. L’utile netto si attesta a 34,9 milioni di euro in crescita del 17,7%.
Per il 2006 il quadro di riferimento atteso dall’azienda resta quello di un mercato ipercompetitivo che sarà affrontato con un’accentuazione dell’internazionalizzazione e il lancio di nuovi prodotti.

(22/03/2006)

g.francinetti

© riproduzione riservata

Tags