Martedì 31 Marzo 2009

I prezzi al consumo in città
In crescita i generi alimentari

A marzo 2009, l’indice dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), a Bergamo, risulta in aumento dello 0,1% rispetto al mese precedente. Il tasso tendenziale (la variazione percentuale rispetto allo stesso mese dell’anno precedente), si attesta a +1,3% in calo rispetto al mese scorso.

Nel mese si sono registrati, in particolare, aumenti nel capitolo delle “Bevande alcoliche, tabacchi” con crescite che hanno interessato tutte le voci che lo compongono; e in quello dell’“Abbigliamento e calzature” nel quale salgono sia i prodotti che i servizi relativi.

Altri capitoli in aumento, seppur con variazioni più modeste, sono stati quelli delle “Comunicazioni” nel quale salgono le apparecchiature e materiale telefonico; dei “Servizi ricettivi e di ristorazione” dove crescono alberghi e agriturismo, mentre sono in controtendenza con una lieve flessione i camping; dei “Mobili, articoli e servizi per la casa” nel quale all’aumento dei prodotti per la riparazione della casa, si contrappone il calo dei combustibili liquidi; e “Altri beni e Servizi” nel quale salgono i prodotti di bellezza, profumi e deodoranti, l’oreficeria e gli articoli da viaggio.

Il capitolo “Generi alimentari” mostra un generale andamento in aumento delle quotazioni dei prodotti. Tre i capitoli che risultano in diminuzione e tutti segnando un andamento contrastato: quello dei “Trasporti” con diminuzioni del gasolio per auto, del gas GPL e dei trasporti aerei, in parte controbilanciate da crescite nella benzina verde, ricambi e accessori e lubrificanti; quello dell’”Abitazione, acqua, energia elettrica e combustibili” con il calo dei combustibili liquidi e il rialzo dei prodotti per la riparazione e manutenzione della casa; ed infine quello della “Ricreazione, spettacoli e cultura” dove diminuiscono gli apparecchi fotografici e cinematografici, i supporti per la registrazione suoni e immagini, i giochi e giocattoli e gli impianti di risalita, mentre crescono gli apparecchi per il trattamento dell’informazione, fiori e piante, alimenti per animali, parchi divertimento e pacchetti vacanza tutto compreso.

Stabile nel complesso il capitolo dei “Servizi sanitari e spese per la salute”. Invariato quello dell’”Istruzione”.

a.ceresoli

© riproduzione riservata