Cuvette Villa di Franciacorta
Nuova etichetta per l’Expo

C’è anche un pezzo di Bergamo nel successo che sta avendo, non da ieri ma ormai da anni, la produzione spumantistica della azienda Villa di Monticelli Brusati in Franciacorta.

Cuvette Villa di Franciacorta Nuova etichetta per l’Expo

Il fondatore dell’azienda, Alessandro Bianchi, è felicemente sposato con Ivonne Roncalli, bergamasca di Ponte San Pietro, tra l’altro imparentata anche con la famiglia di Papa Giovanni. I due coniugi hanno acquistato il Borgo Villa, frazione di Monticelli Brusati, e hanno dato inizio alla gloriosa storia spumantistica della azienda Villa. Oggi le redini sono rette dalla figlia dei coniugi Bianchi, Roberta, insieme al marito Paolo Pizziol. L’ultima iniziativa della Cantina Villa è stata quella di indire un concorso per scegliere l’etichetta che andrà a rivestire le 2015 bottiglie di Cuvette inviate all’Expo, dove il Consorzio Franciacorta, è stato scelto come sponsor di ogni iniziativa in cui bisogna festeggiare e quindi stappare bottiglie di bollicine.

Un’immagine stilizzata, dal significato profondo e in stretto legame con il tema di Expo 2015. È l’etichetta scelta da Villa Franciacorta per vestire Cuvette, il prodotto simbolo della maison di Monticelli Brusati. La creatività della grafica è stata individuata in seguito a un concorso che ha coinvolto gli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Brera. Ha vinto una giovane studentessa del corso di decorazione dell’Accademia di Brera, Valeria Pozzi, residente nella provincia di Varese. Per lei un premio in denaro dal valore di 500 euro e la soddisfazione di vedere la propria opera raffigurata sulla prestigiosa bottiglia e riportato il proprio nome in retroetichetta. Una special edition dunque che sarà realizzata in 2015 esemplari tutti per l’Expo.

«L’idea di un progetto dedicato a Expo - spiega Roberta Bianchi - è stata ispirata dalla sensibilità che da sempre la nostra azienda ha nei confronti dell’ambiente proprio in un’ottica di sostenibilità. Questa etichetta riassume quella che è la filosofia di un’azienda che ha da sempre perseguito una crescita non secondo logiche di mercato, ma di sostenibilità ambientale».

Villa Franciacorta ha scelto di dedicare all’Esposizione Universale il suo fiore all’occhiello: l’intrigante Cru Cuvette Brut 2007, un millesimato nobile ed elegante, dal perlage fine e persistente. Chardonnay (85%) e Pinot Nero (15%). Una parziale prima fermentazione in barriques un prolungato periodo di affinamento sui lieviti di almeno 77 mesi danno vita a un variopinto acquerello di sensazioni: pesca gialla, canditi, nocciola e vaniglia, spezie dolci, in un susseguirsi di sensazioni che incantano la mente ed il palato. Precursore della filosofia del Franciacorta a tutto pasto, Cuvette , Limited Edition Villa Franciacorta, insieme ad Expo, brinda a tutto pasto all’armonia della natura.

La cena di presentazione dell’iniziativa è stata curata dallo chef stellato Stefano Cerveni del ristorante Le Due Colombe di Borgonato di Cortefranca. Un menù stellato per un vino stellare e un’azienda che da oltre mezzo secolo fa onore all’enologia italiana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA