I piatti con le erbe premiati a Schilpario

I piatti con le erbe
premiati a Schilpario

Riconoscimento dell’Accademia italiana gastronomia storica alla cucina di Mea e Enzo Tagliaferri del Ristorante Hotel San Marco

È la «regina di fiori» della Val di Scalve. Fiori, licheni, erbe selvatiche costituiscono gli ingredienti della sua cucina che la rendono unica, ricca com’è di sapori inediti e intensi.

Parliamo di Mea Tagliaferri che gestisce con il fratello Enzo il Ristorante Hotel San Marco di Schilpario, locale con più di mezzo secolo di attività alle spalle. Tra i piatti «cult» citiamo senz’altro il lichene con la patata di Pradella (frazione in cui si trova il ristorante) che ne attenua la nota amara, o con la spalla cotta di Schilpario.

Casoncelli conditi con burro di montagna

Casoncelli conditi con burro di montagna

E così i casoncelli tipici con calendula, burro di montagna ed erbe selvatiche e i piatti di carne che assumono, sempre grazie alle erbe aromatiche dell’orto del ristorante, un gusto e un profumo straordinari. Come la tenerissima tagliata di scamoscino di vitellone tagliata a strisce strette con sugo farcito di aromi misti, salvia, rosmarino e timo.

Da assaggiare anche il risotto carnaroli mantecato con taleggio ed erbe selvatiche, gli gnocchi con patate di Pradella condite con burro di malga e salvia, la polenta taragna con formaggio magro della val di Scalve. Si finisce il pasto con i dolci fatti in casa, come le torte di mele o di arancia. Nella carta dei vini spazio alle etichette bergamasche con il Valcalepio in primo piano ma non mancano quelle valtellinesi, trentine, piemontesi e toscane. Il costo di un pasto completo è di 30-35 euro bevande escluse.

Licheni tra gli ingredienti dei piatti del ristorante

Licheni tra gli ingredienti dei piatti del ristorante

Il locale proprio nei giorni scorsi ha ricevuto un (ulteriore) attestato del livello della propria cucina dall’Accademia italiana gastronomia storica: la consegna è avvenuta da parte del prefetto lombardo dell’Accademia, il ristoratore bergamasco Ivar Foglieni, per anni presidente dei cuochi bergamaschi e lombardi, presente anche il patron della Framar Francesco Maffeis. Un riconoscimento in più, ottenuto proprio grazie all’uso prevalente di ingredienti biologici, prodotti e lavorati nell’orto di casa.

Info: Hotel Ristorante San Marco, frazione Pradella 3, Schilpario, tel. 0346 55024

© RIPRODUZIONE RISERVATA