Il Natale dei sommelier in festa a Cucina Cereda
Esterno di Cucina Cereda

Il Natale dei sommelier
in festa a Cucina Cereda

C’è grande interesse intorno alla cultura del vino. Dopo il successo di partecipanti ai due corsi di primo livello conclusi nei giorni scorsi, ecco che la delegazione bergamasca dell’Ais-Associazione Italiana Sommelier organizza subito un corso di secondo livello.

Lo ha annunciato la delegata provinciale Ais, Roberta Agnelli, nel corso della cena degli auguri che si è svolta al ristorante “Cucina Cereda” di Ponte San Pietro.

Il corso avrà inizio lunedì 11 gennaio e si svolgerà nella sala convegni dell’hotel «Settecento» di Presezzo. Le lezioni saranno 15, con cadenza bisettimanale, sempre in orario serale (ore 20,45-23) e avranno termine lunedì 29 febbraio. Per informazioni ulteriori si può consultare il sito di Ais Lombardia. Per iscrizioni rivolgersi alla delegata Roberta Agnelli, 348.1270265 – 347.7321538 – [email protected].

La cena degli auguri a «Cucina Cereda» ha permesso a molti partecipanti di scoprire, nel centro storico di Ponte San Pietro, uno chef e un ristorante che meritano di essere conosciuti e apprezzati. Giuseppe Cereda, umile ma esperto, ancora giovane ma con alle spalle un percorso formativo di tutto rispetto, è dotato di talento e tenacia. Diplomato nel 1989 all’istituto alberghiero di San Pellegrino Terme, ha conseguito successivamente anche il diploma di sommelier professionista Ais. Ha collaborato e svolto servizio in alcuni dei più importanti ristoranti d’Italia, tra i quali La Cantalupa della famiglia “Cerea-Da Vittorio” a Brusaporto e La Lucanda di Luca Brasi a Osio Sotto, dove si è guadagnato il ruolo di sous chef. Da maggio 2010 è chef di cucina e titolare del ristorante Cucina Cereda. Già il fatto di dare al locale il proprio cognome e la propria visione della cucina è atto di coraggio e di fiducia nei propri mezzi.

Da sinistra, Alessio Monachello, Maurizio Beretta, Roberta Agnelli, Giuseppe Cereda, Luigi Mascheretti, Claudio Riva

Da sinistra, Alessio Monachello, Maurizio Beretta, Roberta Agnelli, Giuseppe Cereda, Luigi Mascheretti, Claudio Riva

Giuseppe Cereda è membro di Chic, Charming Italian Chef, associazione che dal 2009 aggrega professionisti della ristorazione il cui comune denominatore è espresso dall’altissimo livello di cucina che propongono; una cucina italiana interpretata con grande creatività e nel rispetto delle materie prime. “La cucina di Giuseppe Cereda è moderna, leggera, tecnicamente ben eseguita, nel rispetto della materia prima”, si legge sulla Guida de L’Espresso.

Il valore di questa cucina è subito balzato agli occhi (la presentazione del piatto è sempre una piccola opera d’arte) e al palato dei partecipanti alla cena dell’Ais. Delicatissimi e da leccarsi i baffi i due antipasti: salmone marinato in casa con zenzero e the verde; cipolla caramellata con fonduta al taleggio e tartufo nero di Bracca. E’ seguito un perfetto risotto zucca e liquirizia, quindi un gustoso e delicatissimo manzo all’extravergine di oliva e patate schiacciate. Per finire un invitante mascarpone al caffè che ha lasciato la voglia di fare il bis. Inutile dire che si è bevuto bene e alla cena dell’Ais non poteva essere diversamente, anche perché la cantina del “Cucina Cereda”, oltre che interessante dal punto di vista storico-architettonico, è ben fornita. Il ristorante Cucina Cereda si trova infatti all’interno di una corte cinquecentesca che nel corso dei secoli ha mantenuto immutata la sua straordinaria bellezza. Il locale dispone anche di un dehors estivo perfetto per pranzi e cene durante le stagioni più calde. L’atmosfera generale è informale ed elegante al tempo stesso. Tradizione e modernità, presentazione elegante dei piatti, senza dimenticare il sapore genuino delle materie prime anche del territorio. In sala dirige bene Alessio Monachello. Insomma, un locale da consigliare.

Cipolla caramellata con fonduta al Taleggio e tartufo nero di Bracca

Cipolla caramellata con fonduta al Taleggio e tartufo nero di Bracca

Cucina Cereda - Via Piazzini, 33 - Ponte San Pietro (BG), tel. 035 4371900. [email protected] - Chiuso il sabato a pranzo e il lunedì


© RIPRODUZIONE RISERVATA