Scoprire il formaggio in 5 appuntamenti

Scoprire il formaggio
in 5 appuntamenti

Cinque appuntamenti per scoprire tutti i segreti del formaggio, conoscere i protagonisti sul territorio, assaggiare i migliori in circolazione.

È quanto propone «M1lle Storie e Sapori» di viale Papa Giovanni, il locale di eccellenze gastronomiche che fino a febbraio vuole offrire a tutti gli appassionati di cultura casearia momenti di grande convivialità e passione verso quella che per Bergamo è una vera istituzione: la provincia orobica è infatti la capitale d’Italia delle Dop nei formaggi, ben 9, oltre a una serie di inimitabili caci, spesso mini produzioni, orgoglio di un territorio che ogni giorno trasforma milioni di litri di latte in piccoli capolavori. Il giornalista Maurizio Ferrari condurrà il talk-show che ogni mese vedrà argomenti e protagonisti molto diversi tra loro ma con un comune denominatore: l’eccellenza nella qualità.

La rassegna «Formaggi d’autore» comincia venerdì 30 ottobre con il primo appuntamento (tutti a partire dalle 20,30) dal titolo «Giulio Signorelli e i suoi fuoriclasse», in cui Ol Formager, grande affineur bergamasco propone 5 formaggi tra i suoi oltre cento «campioni», raccontando la sua storia e quella del movimento caseario bergamasco. Il 24 novembre invece toccherà ai «Re del Taleggio», con Massimo e Camilla Taddei di Fornovo, che creano il miglior, Raspelli dixit, prodotto che è poi il formaggio simbolo della Bergamasca. Il 9 dicembre invece Pierantonio Chiari sarà protagonista della serata dal titolo: «Formaggi sotto l’albero, quello che non deve mai mancare al cenone» una guida mirata sui caci che non devono mai mancare nel cesto natalizio o nei cenoni del 25 o di Capodanno.

Con il nuovo anno poi, ai M1lle l’appuntamento caseario è fissato per la serata del 26 gennaio: «Quel fenomeno del Blu di bufala» dove Bruno Gritti di Cologno al Serio presenta tutta la sua produzione di bufala e spiega come il suo Blu è diventato uno dei formaggi più desiderati all’estero. Finale in bellezza il 19 febbraio, con «Valentina, la signora dei caprini»: Valentina Canò, con il marito Roberto Facchetti di Brignano, ha creato una delle mecche italiane per la produzione dei formaggi caprini. Ma è soprattutto un’estrosa creatrice di fantastiche combinazioni legate ai suoi formaggi, osannati dalla critica e resi celebri dalla rubrica «Gusto» all’interno del Tg5.

Roberto Vitali


© RIPRODUZIONE RISERVATA