Disabile trova la sua auto vandalizzata Si cercano testimoni ad Albano
Un parcheggio per disabili

Disabile trova la sua auto vandalizzata
Si cercano testimoni ad Albano

La bella domenica in famiglia si è trasformata in una pessima avventura per cinque comaschi, complice l’atto vandalico.

Un individuo che non si è fermato nemmeno davanti al contrassegno che indicava come la vettura (una Skoda Yeti marrone) a cui ha tagliato le gomme, spaccato il finestrino laterale e rigato la fiancata, fosse l’auto di un disabile, come appunto indicava il contrassegno regolarmente esposto.

Racconta la conducente dell’auto, figlia dell’anziano cardiopatico invalido al 100%: «Prima di entrare nel ristorante di Albano Sant’Alessandro con i nostri parenti bergamaschi, ho avuto un diverbio con un uomo sui 50 anni per questioni di parcheggio. Abbiamo “battibeccato” per qualche istante poi ho lasciato perdere e con mio padre e gli altri sono entrata nel locale per il pranzo. Una volta usciti, dopo qualche ora, abbiamo trovato la brutta sorpresa: le gomme tagliate e tutto il resto. Un bel guaio, visto che era domenica (29 ottobre, ndr), quindi per cambiare gli pneumatici e sistemare i danni per poi riuscire a tornare a casa, c’era da aspettare almeno lunedì. In più mio padre, contando di rincasare nel pomeriggio, non aveva con sè i suoi farmaci salvavita, quindi siamo dovuti andare all’ospedale “Papa Giovanni” per le prescrizioni e tutto quanto. E con noi c’era anche una bambina di 5 anni. Chi ha compiuto quel gesto è doppiamente vile, perché avrà visto che c’era il contrassegno dei passeggeri disabili oltre che il seggiolino della bambina». Eventuali testimoni possono scrivere alla mail [email protected]


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale dell’Eco di Bergamo del 8 novembre 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA