Lavori sull’Asse,  mattinata di code «E nei guai finiamo sempre noi cittadini»
Le code di venerdì mattina sull’Asse interurbano

Lavori sull’Asse, mattinata di code
«E nei guai finiamo sempre noi cittadini»

Proteste per la situazione definita «intollerabile», per due giorni di fila. A causa di alcuni lavori di manutenzione dell’Asse interurbano, soprattutto legati alla potatura dei cespugli che crescono nel guardrail centrale, tantissimi automobilisti sono rimasti a lungo in coda all’uscita della galleria di Montenegrone.

Il traffico è stato fortemente rallentato fin dalle 7 di venerdì mattina, con code di chilometri sia dalla Valseriana che dalla Valcavallina. Tante le segnalazioni arrivate in redazione. I cittadini si lamentano delle tempistiche decise per la manutenzione, che con il restringimento della carreggiata da due a una corsia porta con sé molti disagi. Alessandro Cangemi, ad esempio, ha deciso di scrivere a L’Eco dopo il secondo giorno di fila di code. E si pone una serie di domande: «Chi ha la competenza di quel tratto di strada e chi ha autorizzato i lavori in un orario di punta? Come è possibile che non si pensi almeno a velocizzare nel breve tempo possibile l’esecuzione dei lavori potenziando per lo meno gli operai al lavoro che nella giornata di oggi 22 luglio erano solo in tre? Possibile che scelte così incomprensibili debbano sempre ricadere sul singolo cittadino? Perché una persona si vede costretta ad alzarsi mezz’ora prima per recarsi in orario sul luogo di lavoro? Chi è il responsabile di questi disagi? ».


© RIPRODUZIONE RISERVATA