«Le Due Torri»: lanciata raccolta fondi per il Policlinico San Marco di Zingonia
Lo shopping center «Le Due Torri» di Stezzano

«Le Due Torri»: lanciata raccolta fondi
per il Policlinico San Marco di Zingonia

Il centro commerciale «Le Due Torri» di Stezzano ha provveduto a chiudere tutti i negozi ritenuti non di prima necessità. Rimangono aperti il supermercato Esselunga, la parafarmacia e le attività previste nell’ordinanza emessa dal governo.

In questo clima di emergenza, la direzione del centro ha pensato di lanciare una raccolta fondi a sostegno del Policlinico San Marco - Gruppo San Donato -, la struttura ospedaliera di Zingonia in prima linea nella cura dei pazienti affetti dal nuovo coronavirus. In queste settimane, grazie al lavoro instancabile di medici, infermieri e sanitari, il policlinico ha accolto e sta curando molti pazienti Covid-19 anche con problemi respiratori gravi, che necessitano di cure sub-acute e acute in Terapia Intensiva. Per fronteggiare la crescente richiesta di ricoveri, l’ospedale ha organizzato e sta quotidianamente riorganizzando l’attività in base alle necessità e in modo da poter curare tutti quelli che ne hanno bisogno.

«Nei due ospedali di Zingonia e Ponte San Pietro sono stati convertiti circa 300 posti letto da destinare ai pazienti positivi per coronavirus o in attesa di esito del tampone - spiega Francesco Galli, amministratore delegato degli Istituti Ospedalieri Bergamaschi del Gruppo San Donato -. Già la settimana scorsa, nei vecchi locali adibiti a sale operatorie, nell’arco di meno di 48 ore sono state allestite otto nuove postazioni di Terapia Intensiva interamente dedicate al Covid-19. I nuovi posti si aggiungono ai dieci già presenti, anch’essi interamente riconvertiti alla cura del coronavirus».

Galli ringrazia «Le Due Torri» per l’iniziativa benefica pensata a sostegno del policlinico San Marco: «La direzione del centro commerciale di Stezzano, dove il Gruppo San Donato è presente con la sua prima Smart Clinic, ha dimostrato ancora una volta la sua sensibilità attivandosi concretamente con la raccolta fondi e di questo siamo molto grati. Il denaro raccolto contribuirà ad acquistare nuovi autorespiratori per pazienti con difficoltà respiratorie».

Simone Maltempi, amministratore delegato di Altarea Italia, proprietaria dello shopping center di Stezzano, dichiara: «Vogliamo esserci. Non ci stancheremo mai di sottolineare quanto il centro commerciale sia parte integrante del territorio che lo ospita, nel bene e nel male. Ci siamo quando organizziamo un evento, quando promuoviamo l’attività delle associazioni, quando, a fianco delle diverse realtà sociali, realizziamo iniziative solidali. E ci siamo ora, che l’intera popolazione ha bisogno di sostegno, in particolar modo le strutture e il personale sanitario che si occupano di curare chi ha contratto il virus in modo aggressivo. Noi vogliamo fare la nostra parte. Se tutti facciamo qualcosa, anche con una piccola donazione, il risultato sarebbe eccezionale. Siamo convinti che questa situazione si risolverà per il meglio. Diamoci tutti una mano, in primis rispettando le disposizioni dell’Autorità sanitaria”.

All’interno de «Le Due Torri» c’è la Smart Clinic, che fa parte del Gruppo San Donato. «Anche per questa nostra vicinanza abbiamo deciso di attivarci con un crowdfundig per raccogliere fondi da destinare al policlinico San Marco - spiega il direttore de “Le Due Torri” Roberto Speri -. Ci auguriamo che tutti partecipino per dare il loro sostegno: dai negozianti, ai fornitori, ai nostri clienti. Noi come direzione naturalmente faremo la nostra parte. Vogliamo dare una mano concretamente e questa iniziativa ci è sembrata il modo migliore per fare qualcosa di utile».

Partecipare alla raccolta fondi è semplice: basta andare sul sito internet del centro commerciale «Le Due Torri» all’indirizzo www.leduetorri.net, cliccare sulla locandina dell’iniziativa in home page e scansionare il QR code. In questo modo si verrà automaticamente indirizzati al sito «Rete del dono» sulla pagina dedicata dalla quale, seguendo le semplici indicazioni, sarà possibile fare la propria donazione. Insieme ce la faremo. Andrà tutto bene.


© RIPRODUZIONE RISERVATA