Ponteranica nel mirino dei ladri   Ma l’ex sindaco li caccia con la scopa
La via di fuga dei ladri da casa Aldegani (Foto by Foto Bedolis)

Ponteranica nel mirino dei ladri

Ma l’ex sindaco li caccia con la scopa

Cristiano Aldegani si è trovato i malviventi di fronte sul davanzale della cucina sabato sera: avevano il volto coperto da un passamontagna. Lui li ha messi in fuga colpendone uno con l’utensile di casa, che poi ha fotografato e postato su Facebook. Con una frase choc: «Se ci fossero stati i miei figli e avessi avuto una pistola avrei sparato».

È successo sabato sera 29 ottobre pochi minuti prima delle 22. Cristiano Aldegani, ex sindaco di Ponteranica e attuale consigliere di minoranza, ha avuto un faccia a faccia con due ladri d’appartamento: se li è trovati di fronte sul davanzale della cucina con il viso coperto da un passamontagna e due sacchi di refurtiva in mano, bottino di altri furti messi a segno prima. Era solo in casa in quel momento ed era da poco tornato dalla Cresima del figlio, quando era uscito all’esterno per fumarsi una sigaretta: messo in allerta da rumori inconsueti, si è accordo della presenza dei due ladri. Li ha visti ma non si è fatto intimorire. L’ex sindaco ha preso la prima cosa che aveva a portata di mano (una scopa con il manico di alluminio) e ha cominciato a colpire uno dei due individui inducendoli alla fuga.

I colpi non devono essere stati leggeri, viste le condizioni della scopa che Aldegani ha fotografato e poi postato su Facebook. Con una frase choc: «Se avessi avuto in casa i miei figli minorenni di cui uno disabile, e avessi avuto a disposizione una pistola, avrei sparato». Aldegani precisa che quando ha visto i due malviventi ha pensato subito ai suoi figli minorenni: «Fortunatamente non erano in casa, ma non riesco a togliermi dalla testa lo spavento che avrebbero subito. Poi ho reagito mosso dalla rabbia che prova un animale messo all’angolo. Ho agguantato una scopa colpendo ripetutamente uno dei due ladri. Si sono dati alla fuga su una Volkswagen di colore grigio antracite».


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 31 ottobre

© RIPRODUZIONE RISERVATA