Si stacca lampada dal lampione Paura a Zanica per bimba di 9 anni

Si stacca lampada dal lampione
Paura a Zanica per bimba di 9 anni

La piccola è stata colpita alla schiena di striscio. Il sindaco: «Fatto inspiegabile, accerteremo le cause».

Tutto è successo attorno alle 21,30 alla Festa del Cacciatore che terminava domenica a Zanica. Una bambina di 9 anni, che risiede a Zanica, stava camminando con i genitori lungo il viale d’ingresso di fronte al bar che è illuminato da una serie di lampioni. Si tratta di pali in ferro alti circa quattro metri, che nella parte superiore sorreggono un «fungo», sempre di ferro, contenente la lampada. Per cause ancora in corso d’accertamento, uno di questi «funghi» si sarebbe staccato dal lampione precipitando a terra e, nella caduta, ha colpito la bambina sulla schiena, sia pure di striscio.

Il palo (transennato) che sorreggeva il lampione caduto domenica sera addosso a una bambina.

Il palo (transennato) che sorreggeva il lampione caduto domenica sera addosso a una bambina.

Subito è stato dato l’allarme e nell’attesa dell’ambulanza che l’ha trasportata in ospedale (dove è giunta in codice verde) la bambina, spaventata ma cosciente, è stata soccorsa da familiari e presenti e fatta sdraiare a terra. Sul posto, per i rilievi, i carabinieri della compagnia di Bergamo. «Quanto successo è un fatto per ora inspiegabile – spiega il sindaco Luigi Locatelli – che avrebbe potuto avere conseguenze ben più gravi. Ma il nostro compito non è affidarci al “miracolo” e all’inspiegabile, ma accertare se il fissaggio del palo alla lampada sia stato fatto in modo corretto e a regola d’arte». Tra le cause della rottura, potrebbe però esserci il fatto che il lampione si trovava in mezzo a alberi il cui movimento dei rami, tra temporali, vento ed altri eventi atmosferici può averne minato la stabilità. Qualcuno ha però segnalato la presenza di alcuni ragazzini che nel pomeriggio avrebbero preso di mira il palo (protetto da un materasso di gomma) con calci e spinte.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo del 18 luglio

© RIPRODUZIONE RISERVATA