Rompe vetrine di un bar: denunciato Torna per incendiarlo ed è arrestato

Rompe vetrine di un bar: denunciato
Torna per incendiarlo ed è arrestato

Sabato ha spaccato una parte delle vetrine di un locale a Bonate Sotto, «Il Corsaro», e una volta denunciato a piede libero per danneggiamento aggravato è tornato sul posto per completare l’opera, rompendo anche quelle rimaste.

Martedì T. S., serbo di 39 anni domiciliato a Madone, è tornato alla carica, ma questa volta ha appiccato direttamente il fuoco al locale di via Marco Polo. Fortunatamente alcuni residenti, sentiti rumori sospetti e viste le fiamme, hanno dato l’allarme ai carabinieri di Ponte San Pietro e ai vigili del fuoco e questi ultimi sono riusciti a domare rapidamente il rogo, prima che potesse propagarsi e provocare danni più seri.

Il trentanovenne, arrestato per incendio doloso, mercoledì mattina 14 settembre è stato processato per direttissima davanti al giudice Stefano Storto, assistito dall’avvocato Pasquale Silvestro. A farlo individuare e finire in manette, in effetti, è stato proprio il precedente di sabato: in quell’occasione, in stato di ebbrezza, aveva avuto un primo diverbio per futili motivi, ma molto animato, col gestore del locale «Il Corsaro», culminato con la rottura di alcune delle vetrine e minacce di morte al barista.

Sul posto erano intervenuti i carabinieri del radiomobile di Bergamo, che aveva portato il serbo in caserma: dopo averlo identificato e denunciato a piede libero su indicazione del magistrato di turno, lo avevano poi rilasciato. Poco più tardi il secondo episodio: in azione sempre il 39enne che, sotto l’effetto sia dell’alcol sia probabilmente anche del risentimento per la denuncia, era tornato al locale.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola giovedì 15 settembre 2016

© RIPRODUZIONE RISERVATA