Tombe profanate a Cisano  Frasi offensive e simboli nazifascisti
I fiori strappati dalle tombe e gettati a terra in una delle navate

Tombe profanate a Cisano

Frasi offensive e simboli nazifascisti

Tombe danneggiate, altre profanate con scritte inneggianti al nazifascismo, altre ancora con scritte offensive. A Cisano Bergamasco un raid è stato messo a segno nella notte tra martedì e mercoledì nel cimitero della frazione di Villasola.

Durante l’incursione notturna sono state profanate numerose tombe in un’ala del cimitero, quelle alla sinistra della cappella cimiteriale. Gli autori, tra altro, hanno lasciato dei simboli riferiti alle ideologie estremiste del nazifascismo. A dare l’allarme, all’apertura del cimitero intorno alle 8, una signora che era entrata per una visita ai propri cari defunti. Purtroppo gli atti vandalici non si sono limitati alle singole tombe: sono stati presi di mira anche i loculi di una navata. Qui gli autori del raid hanno tolto i fiori da alcune tombe, gettandoli a terra in segno di disprezzo. Poi sono fuggiti. Sdegno e rabbia da parte del sindaco: «Esprimo tutta la mia solidarietà e la vicinanza alle famiglie che hanno subito questo gravissimo atto. Il cimitero è un luogo da rispettare: non si possono profanare tombe, mancando di rispetto ai nostri defunti».


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 14 settembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA