Venerdì 01 Luglio 2011

Opel Astra ecoFlex
La più risparmiosa

I modelli con emissioni di Co2 particolarmente ridotte tendono ad avere motori fiacchi o di potenza media soprattutto nel segmento delle compatte. O almeno questa è stata la storia delle quattroruote sino ad ora. Inoltre, consumi limitati e basse emissioni si accompagnano, solitamente, a prestazioni certamente non esaltanti per chi ama un pizzico di sportività in più.

L'approccio di Opel è diverso e va controcorrente con i suoi modelli ecoFlex che vanno ben al di là delle potenze standard attorno ai 100-105 cv. Un esempio? La nuova Astra ecoFlex è dotata di un motore turbodiesel 1.7 Cdti da 130 cv e si aggiunge per efficienza a vetture di grande successo come l'Insignia da 160 cv, solo per fare un esempio. Inoltre consuma solo 3,7 litri di carburante per 100 chilometri nel ciclo misto e le emissioni di Co2 sono ridotte a 99 grammi per chilometro.

Tutto questo rende questa versione della Opel Astra la più economica e più verde di sempre, una vera e propria ammiraglia green della classe delle compatte e un riferimento obbligato per prestazioni e piacere di guida nel segmento più importante in Europa. I prezzi saranno annunciati al momento del lancio sui mercati in autunno.

Oltre al sistema di propulsione specifico di Astra ecoFLEX, caratterizzato da una efficiente gestione termica, il pacchetto per la riduzione del consumo di energia e di carburante, e quindi delle emissioni di anidride carbonica, comprende il recupero intelligente di elettricità dall'energia dei freni, una serie di componenti aerodinamici attivi e la riduzione della resistenza al rotolamento.

Nell'insieme questi interventi hanno consentito di ridurre del 17 per cento le emissioni di Co2 (meno 20 g/km) e i consumi (meno 0,8 litri per 100 km) rispetto al modello base, l'Astra 1.7 Cdti. Ciliegina sulla torta il sistema Start-Stop di Opel riduce i tempi in cui il motore gira a vuoto e di conseguenza il consumo di carburante, le emissioni di gas serra e il rumore, in particolare nei centri urbani.

Il sistema si spegne automaticamente non appena il guidatore mette in folle e toglie il piede dalla frizione (fase di Autostop). Quando è il momento di muoversi nuovamente, chi guida deve semplicemente inserire la prima e partire non appena premuto il pedale della frizione.

Una batteria ad elevate prestazioni garantisce la massima affidabilità del sistema elettrico e l'immediata partenza del motore in qualsiasi momento. Per motivi di sicurezza e per aumentare il comfort dei passeggeri, nella fase di autostop i comandi della temperatura e quello del servofreno a vuoto restano attivi. Quando lo si ritiene necessario, per esempio in caso di code che si muovono lentamente, il guidatore può comunque disattivare manualmente il sistema tramite il pulsante «eco» posizionato sulla consolle centrale.

Opel Astra 1.7 Cdti ecoFLEX monta una trasmissione manuale a sei velocità con riduzione dell'attrito, regolata specificamente per il nuovo motore. Un altro elemento tipico dei modelli ecoFLEX è l'indicatore di cambio marcia. Il quadrante illuminato tra tachimetro e contagiri indica al guidatore il momento ideale per cambiare, mentre un'ulteriore funzione grafica di assistenza aiuta ad adottare uno stile di guida volto al risparmio di carburante.

Daniele Vaninetti

m.sanfilippo

© riproduzione riservata