Citroén, 50 anni di Méhari con un’edizione unica

Citroén, 50 anni di Méhari
con un’edizione unica

Citroën Mehari festeggia mezzo secolo. A 50 anni dal lancio e 2 anni dopo l’arrivo della E-Mehari, questa cabriolet atipica resta il simbolo dell’audacia dell’auto francese.

Per questo anniversario emblematico Citroën ha chiesto allo stilista Jean-Charles de Castelbajac di creare una Art Car E-Mehari esclusiva, un’opera forte e cromatica per festeggiare 50 anni di libertà e 50 anni di creatività. Il maggio del ‘68 segna la nascita della Mehari e il debutto del designer, figlio della generazione che manifesta sulle strade parigine. Nel maggio del 2018 si concretizza la collaborazione tra due talenti, all’insegna della rivoluzione creativa che da sempre anima Citroën e Jean-Charles de Castelbajac.

Un incontro naturale e spontaneo, come sottolinea Arnaud Belloni, direttore Marketing e Comunicazione del marchio Citroën: «Mehari è un’icona Citroën, l’auto anticonformista per eccellenza! Nasce nel maggio del ‘68 e anche dopo 50 anni rappresenta la cultura pop in stile francese. Per celebrare questo anniversario abbiamo affidato la sua degna erede, 100% elettrica, a Jean-Charles de Castelbajac. Il risultato è una Art Car che sprigiona freschezza e gioia di vivere, l’incontro di due mondi sempre creativi e rivoluzionari!». Con questa Art Car unica, Jean-Charles de Castelbajac rende la Nuova Citroën E-Mehari il simbolo del lifestyle Made in France, ottimista e pop, frutto di una creatività che non conosce limiti. Vietato vietare: la Art Car E-Mehari creata da Jean-Charles de Castelbajac risveglia lo spirito creativo ed esprime le sue due ragioni di vita: l’arte e la moda.

Maggio 1968, all’origine del mito... Mentre i giovani manifestano sulle strade per chiedere più libertà , l’11 maggio sui campi da golf di Deauville, Citroën presenta un avveniristico modello destinato al tempo libero: la Mehari. Semplice, versatile, non pretenziosa, questa cabriolet atipica dai colori pop, costruita sulla piattaforma della Dyane 6, si distingue per la carrozzeria in ABS tinto in massa, studiata da Roland de La Poype. Questo materiale, leggero e ingegnoso (Mehari non supera 525 kg) può essere plasmato in qualunque forma. Non teme la corrosione e questo rende Mehari totalmente lavabile con acqua, perfetta compagna delle gite al mare. Un altro plus, la sua grande modularità, con la struttura decappottabile al di sopra della linea di luce della scocca, parabrezza compreso, che si ripiega sul cofano. Il telaio rialzato, studiato per andare ovunque, permette delle qualità di guida senza precedenti. Nel 1979, la versione 4X4 riesce ad arrampicarsi su pendenze fino al 60%. Basta questo per un ottenere un vero successo popolare. Negli anni Citroën Mehari è diventata anche un fenomeno sociale, grazie alla sua <carriera> cinematografica, come nella serie <I gendarmi di Saint-Tropez> con Louis de Funès. Partecipa anche a diversi raid: Liegi – Dakar -Liegi nel 1969, Parigi – Kabul- Parigi nel 1970, la Parigi- Dakar nel 1980.

© RIPRODUZIONE RISERVATA