Citroën C4 Spacetourer Vince lo spazio

Citroën C4 Spacetourer
Vince lo spazio

Citroën C4 Spacetourer e Grand C4 Spacetourer – moderni, tecnologici e studiati per le famiglie numerose che vogliono viaggiare all’insegna della comodità – mettono a disposizione un bagagliaio di dimensioni ragguardevoli dove stipare senza problemi quanto si era programmato di portare in vacanza.

Perfino l’ingombrante tavola da surf trova la giusta collocazione, senza penalizzare il comfort di viaggio, grazie alla modularità offerta dall’abitacolo. In particolare, nella configurazione due posti, con i sedili posteriori ripiegati su se stessi a formare un perfetto piano di carico, i due modelli mettono a disposizione uno spazio da “specialisti dei trasporti”: oltre 1.700 litri il primo (Spacetourer), 1.835 litri il secondo. Ma anche nella configurazione standard lo spazio è abbondante: un volume di 537 litri su C4 Spacetourer e 575 litri su Grand C4 Spacetourer. Molto utile il portellone con apertura senza chiave. Questo equipaggiamento permette di aprirlo facilmente anche con le mani occupate dai bagagli grazie a un captatore situato sotto al paraurti posteriore. Il portellone si apre e si chiude semplicemente muovendo il piede. SpaceTourer propone, poi, tecnologie al servizio del benessere, come l’interfaccia di guida 100 % touch, abbinata allo schermo panoramico 12’’ HD. Altre innovazioni favoriscono il relax e facilitano la guida, come la Vision 360, la funzione Park Assist, il regolatore di velocità adattativo. Con uno spazio a bordo pratico e generoso e con le sue proporzioni compatte (L: 4,44m/ l: 1,83m/ H: 1,62m) questa versione coniuga abitabilità di riferimento, spazio a bordo e modularità. Citroën Grand C4 Spacetourer, invece, propone una silhouette allungata, perfetto equilibrio tra fluidità delle linee e spazio a bordo (L: 4,60m/ l: 1,83m/ H: 1,66m). Nella prima fila, la possibilità di ripiegare completamente il sedile del passeggero aumenta la capacità di carico. Nella fila 2 i tre sedili singoli sono della stessa larghezza.

Si ripiegano fino a formare un pianale piatto, si inclinano migliorando il comfort e scorrono, per una maggiore flessibilità. Lo spazio per le ginocchia è tra i migliori del segmento e la vettura è dotata di numerosi vani portaoggetti, distribuiti in modo razionale nell’abitacolo. Come il vano illuminato nella parte centrale della plancia, dotato di presa jack e USB o la console amovibile delle versioni con cambio automatico, situata tra il sedile del passeggero e quello del conducente. Sulle monovolume Citroën, a 5 o a 7 posti, tutti i passeggeri viaggiano in prima classe. Qualche esempio: «Pack Lounge» composto da appoggiatesta relax avvolgenti per il conducente e il passeggero, sedile del passeggero relax con estensione comfort per le gambe e sedili del conducente e del passeggero con funzione massaggio.

Tutti questi elementi insieme fanno di C4 Spacetourer il fiore all’occhiello del programma Citroën Advanced Comfort. Inoltre, le moderne tecnologie assistono il guidatore aumentando la sicurezza di viaggio, con la navigazione connessa 3D Citroen Connect Nav associata ad uno schermo Touch Pad 7’’, facile e veloce da usare, e nuovi servizi di connessione. Si aggiungono sistemi che semplificano la guida - sempre al servizio della sicurezza - come la rilevazione dei cartelli stradali e dei limiti di velocità, il regolatore di velocità adattativo con funzione Stop, l’avviso attivo di superamento involontario della linea di carreggiata, l’Active Safety Brake, il Coffee Break Alert o il Sistema attivo di sorveglianza dell’angolo morto.

Evoluzione del cinque posti, Grand C4 Spacetourer è un moderno sette posti, che beneficia del savoir-faire di Citroën in termini di stile, spazio, modularità, praticità e benessere a bordo. Permette a conducente e passeggeri di viaggiare con un comfort senza paragoni, a bordo di un veicolo con tecnologie e motorizzazioni di ultima generazione. Alle caratteristiche della versione a 5 posti, Grand C4 Spacetourer offre 2 posti aggiuntivi grazie ai sedili individuali a scomparsa in terza fila.


© RIPRODUZIONE RISERVATA