Mercedes Classe A e B I modelli ibridi

Mercedes Classe A e B
I modelli ibridi

I veicoli ibridi plug-in rappresentano un’importante pietra miliare sulla strada verso la mobilità a zero emissioni. In questo campo, Mercedes Benz Cars continua a sviluppare i suoi modelli della famiglia Eq Power.

Una famiglia che oggi si amplia anche al segmento delle compatte con il debutto della nuova Classe A 250 e (consumo di carburante combinato 1,5-1,4 l/100 km, emissioni di CO2 combinate 34-33 g/km, consumo di corrente combinato 15,0-14,8 kWh/100 km)1, A 250 e Sedan (consumo di carburante combinato 1,4 l/100 km, emissioni di CO2 combinate 33-32 g/km, consumo di corrente combinato 14,8 -14,7 kWh/100 km) e Classe B 250 e (consumo di carburante combinato 1,6-1,4 l/100 km, emissioni di CO2 combinate 36-32 g/km, consumo di corrente combinato 15,4-14,7 kWh/100 km)1. L’Eq Power di Classe A e Classe B rafforza l’offensiva plug-in di Mercedes-Benz: entro il 2020 l’azienda estenderà l’offerta ad oltre 20 modelli. In Germania, i listini di A 250 e e A 250 e Sedan partono rispettivamente da 36.943 e 37.300 euro (37.663 per la B 250 e).

I nuovi modelli saranno sul mercato entro la fine dell’anno. Le nuove compatte con EQ Power si caratterizzano soprattutto per un inedito piacere di guida a zero emissioni, perfetto per l’utilizzo quotidiano: autonomia elettrica di 70-75 km (NEDC), potenza elettrica di 75 kW, potenza complessiva di 160 kW, coppia complessiva di 450 Nm, velocità massima di 140 km/h (motore elettrico, 235 km/h complessiva per Classe A Sedan), accelerazione 0-100 km/h in 6,6 secondi (Classe A Sedan) e nessuna limitazione del vano bagagli. Queste vetture della Stella montano il motore in posizione trasversale e per il cambio a doppia frizione 8F-DCT è stato sviluppato un gruppo di trasmissione ibrido compatto che segue gli stessi principi tecnici del componente corrispondente nei veicoli con motore longitudinale. Si tratta di un motore sincrono ad eccitazione permanente con rotore interno. Lo statore è integrato nella scatola del gruppo di trasmissione, mentre nel rotore del motore elettrico è collocata l’efficiente frizione di innesto del motore. Il raffreddamento dello statore e del rotore in funzione della necessità consente di sfruttare senza problemi la potenza di punta e quella continua del motore elettrico.

Per la prima volta in Mercedes, il motore a combustione interna è avviato esclusivamente dal motore elettrico; i modelli ibridi compatti non dispongono infatti di un motorino di avviamento da 12 volt separato (starter). Il motore elettrico eroga 75 kW di potenza; insieme al motore a quattro cilindri da 1,33 litri garantisce una potenza complessiva di 160 kW (218 CV) e una coppia complessiva di 450 Nm. Come accumulatore dell’energia elettrica viene impiegata una batteria ad alto voltaggio agli ioni di litio dalla capacità complessiva di circa 15,6 kWh che può essere caricata da una fonte di energia elettrica esterna. A 250 e e B 250 e possono essere caricate con corrente alternata o continua. La presa di corrente si trova nella fiancata destra della vettura. Se collegati a una wallbox di ricarica da 7,4 kW in corrente alternata (CA), questi modelli ibridi plug-in compatti passano da un livello di carica (SoC, Status of Charge) del 10% al livello del 100% in 1 ora e 45 minuti. La ricarica in corrente continua (CC) richiede circa 25 minuti per portare il livello di carica dal 10 all’80%. Le batterie sono fornite da Deutsche Accumotive, società affiliata di Daimler al 100%. La batteria ad alto voltaggio è raffreddata ad acqua e pesa circa 150 kg.


© RIPRODUZIONE RISERVATA