Mitsubishi Outlander Phev Arriva la versione 2016
La Mitsubishi Outlander Phev

Mitsubishi Outlander Phev
Arriva la versione 2016

«Guidare, muoversi, viaggiare accompagnati solo dal silenzio. Guidare il futuro perché precursori di un nuovo modo di intendere la mobilità non più fine solo ai nostri interessi e alle nostre necessità». Così Mitsubishi Motors, anche sulla base delle esperienze svolte con l’elettrica i-MIEV, ha deciso di intraprendere una nuova strada, quella della mobilità «Full Range Electric» di cui l’Outlander Phev 2016 è la più recente «creazione».

La nuova edizione conferma il mix di funzionalità e versatilità di questo crossover 4x4 dalle emissioni e dai consumi dichiarati ridotti ai minimi termini proprio grazie ai 52 km di autonomia reale in modalità solo elettrica e un’autonomia complessiva in modalità assistita (sia elettrica sia termica) che supera gli 800 km. Una premessa è d’obbligo: sebbene lo sviluppo del motore endotermico punti sempre più sul contenimento dei consumi e delle emissioni, esso non potrà mai raggiungere i valori di eco-compatibilità della trazione completamente elettrica.

Di fronte a questo scenario alcuni costruttori hanno intrapreso la via della motricità ibrida, ponendo però la limitazione di un sistema «chiuso» dove, sovente, l’autonomia in motricità elettrica è possibile solo per chilometraggi veramente esigui. Mitsubishi Motors, invece, ha dato vita al veicolo «Full Range Electric», la motricità elettrica garantita anche per lunghe percorrenze, con il motore termico usato come propulsore del generatore di bordo, che mantiene lo stato di carica delle batterie. Non solo, nelle condizioni più estreme, il motore «tradizionale» potrà essere usato come un normale generatore di ricarica anche a veicolo fermo.

Spiegano in casa Mitsubishi: «Outlander Phev si guida a seconda delle diverse situazioni: in modalità elettrica e a costo zero nell’uso quotidiano. Sulle lunghe percorrenze c’è anche la possibilità di usare ricariche rapide mentre si fa la spesa o si beve un caffè in autogrill o nella sosta notturna nel parcheggio di un hotel».

Quindi, in base alle condizioni di carico, alle caratteristiche del percorso e alle necessità del guidatore, questa Full Range Electric permette di percorrere più di 800 km sfruttando appieno le potenzialità dei suoi tre motori e del suo pacco batterie grazie ad un’elettronica di bordo sofisticata ma integrata con tutti i sistemi operativi.

In modalità elettrica assistita con la trazione integrale e una velocità fino ai 120 km/h l’autonomia dipende unicamente dallo stile di guida e dalle condizioni del percorso. In caso di richiesta di potenza ulteriore, o di una guida sportiva, la vettura passa alla modalità assistita: la trazione integrale è alimentata dal motore termico e i due motori elettrici forniscono ulteriore spunto e grinta alla vettura.

Le modalità di trazione sono impostate dal software di bordo «in accordo» con le richieste del conducente e le caratteristiche del percorso, garantendo in primo luogo la sicurezza attiva (ad esempio la potenza in fase di sorpasso) e il risparmio energetico. “Nel silenzio e nella consapevolezza di essere alla guida del futuro”, dichiarano gli ingegneri del marchio giapponese.

D.V.


© RIPRODUZIONE RISERVATA