Sulla Porsche di Bonaldi la bandiera «Noi amiamo Bergamo» de «L’Eco»

Sulla Porsche di Bonaldi la bandiera «Noi amiamo Bergamo» de «L’Eco»

Bonaldi Motosport presenterà sui circuiti del campionato una 911 GT3 Cup che corre col cuore.

Portare la bandiera «Noi amiamo Bergamo» in uno dei più prestigiosi campionati monomarca del nostro Paese. La Porsche Carrera Cup Italia riparte dal Mugello dal 17 al 19 luglio prossimi, fra i team in gara anche il Bonaldi Motosport, che presenterà sui circuiti dei sei appuntamenti in calendario una Porsche 911 GT3 Cup con l’immagine della bandiera distribuita gratuitamente da L’Eco di Bergamo nei mesi scorsi, per segnare la volontà di non arrendersi ma di reagire del nostro territorio duramente colpito dalla pandemia.

A guidare l’auto sarà il giovane Marzio Moretti, mantovano non ancora diciottenne, «Una sfida per noi – come ci ha raccontato Marco Bielli, Team manager di Bonaldi Motorsport per le autovetture Porsche e Lamborghini – Marzio non è un pilota esperto, ma ha grandi potenzialità e noi crediamo in lui, vogliamo farlo crescere». L’auto con l’effigie «Noi amiamo Bergamo» racconta «il legame stretto fra Bonaldi e il nostro territorio – spiega Gianmaria Berziga, direttore generale del Gruppo Bonaldi –. La bandiera ha simboleggiato la voglia di rinascita di Bergamo durante il periodo del Covid-19. L’idea di associarla a Porsche per la Carrera Cup vuole rafforzare il legame fra queste due realtà di Bergamo, portando il coraggio di un popolo ferito ma non disposto a cedere oltre la provincia, sui più bei circuiti italiani».

C’è poi chi la bandiera l’ha ideata e disegnata, cioè Luca D’Agostino, art director de L’Eco di Bergamo: «Quando ho immaginato la bandiera non avrei mai pensato che sarebbe finita su un’automobile di questo calibro. È un grande onore e ne sono felice». Vedere una Porsche 911 GT3 Cup con il cuore rosso di «Noi amiamo Bergamo» e poi sentire il rombo del motore in accelerazione è un altro modo per manifestare la grinta e l’orgoglio del carattere bergamasco. Ma non è tutto: dinanzi a un’automobile così preziosa e unica, è facile immaginare che il semaforo verde della partenza in gara sia una sorta di augurio per la ripartenza di Bergamo e della sua provincia, che proprio in questi giorni sta cercando di rinascere dopo quello che è successo. Appuntamento dunque al Mugello per l’official test il 15 luglio e la gara dal 17 al 19, poi Misano (31 luglio-2 agosto), Imola (28-30 agosto), Vallelunga (18-20 settembre), di nuovo Mugello (2-4 ottobre) e gran finale a Monza (6-8 novembre). Porsche, mai come quest’anno, pulsa di un autentico cuore bergamasco.


© RIPRODUZIONE RISERVATA