Sauté di cozze
e vongole

Anche se il nome tradisce delle origini non propriamente italiane, questo piatto si è guadagnato ampiamente la cittadinanza onoraria del nostro Paese.

Sauté di cozze e vongole

Il sauté di vongole, come per altro anche quello di cozze, è davvero diventato un classico della cucina di mare italiana, soprattutto grazie all’abbondanza di questi molluschi nei nostri mari.

Ingredienti

Per cozze
1 rete di cozze
1 spicchio d’aglio
3 gambi di prezzemolo
Peperoncino in polvere q.b.
Olio evo q.b.
Vino bianco q.b.

Per vongole
1 rete di vongole
1 spicchio d’aglio
3 gambi di prezzemolo
Peperoncino in polvere q.b.
Olio evo q.b.
Vino bianco q.b.

Per decorazione
Pomodorini q.b.
Prezzemolo q.b.

Procedimento

Togliere le cozze dalla rete e pulirle iniziando ad eliminare i filamenti che le rivestono (bisso). Sciacquarle sotto l’acqua aiutandosi con una paglietta per rimuovere lo sporco residuo (calcare, alghe) e ripassarle sotto l’acqua corrente fredda.

Prendere il prezzemolo e dividere le foglie, da tritare successivamente, dai gambi che serviranno per formare un mazzetto.

In una pentola mettere dell’olio, il mazzetto di gambi di prezzemolo, 1 spicchio d’aglio contuso (schiacciato) e del peperoncino; soffriggere il tutto, unire le cozze e sfumare con del vino bianco. Coprire la pentola con un coperchio in modo che il vapore faccia aprire le cozze e man mano toglierle dalla pentola.

Filtrare il liquido residuo ottenuto dalla cottura e tenere da parte in un contenitore.

Ripetere lo stesso procedimento per le vongole.

Una volta ripetuto il procedimento, unire in una pentola i molluschi, i loro liquidi e i pomodorini precedentemente tagliati in 4 e spadellati con dell’olio e scottarli un paio di minuti. Grazie a questo passaggio i sapori si concentreranno maggiormente.

Impiattamento

Adagiare su un piatto fondo la preparazione ottenuta terminando con una spolverata di prezzemolo.

Abbinamento

I sauté di vongole e cozze o di altre bivalve miste, come fasolari, cannolicchi, tartufi di mare, che oltre alla salinità hanno spesso una buona persistenza gustativa, si possono abbinare molto bene con vini bianchi di buon corpo, giovani e freschi.

Ricetta presentata da: Giulia Curnis, Ion Doroftei, Martina Manfra, Desiree Plebani, Rebecca Rivellini, Luca Rocchini e Alessandro Scanzi

© RIPRODUZIONE RISERVATA