Sabato 14 Giugno 2014

Sostanze naturali per il cuore

Riducono anche la dose di farmaci

Un approccio di tipo nutrizionale o nutraceutico oppure l’aggiunta di alcuni integratori possono avere un effetto protettivo per cuore e circolazione. In più sostanze naturali possono contribuire alla riduzione delle dosi dei farmaci utilizzati da coloro che hanno problemi cardiocircolatori, contribuendo a ridurre i possibili effetti collaterali delle terapia. Sono questi i principali messaggi lanciati dagli esperti riuniti a Catanzaro per il simposio “New trends in cardiovascular therapy”, organizzato dall’Università Magna Grecia di Catanzaro e promosso dalla Fondazione Internazionale Menarini.

«Ancora oggi l’approccio terapeutico ad alcune patologie cardiache, come lo scompenso cardiaco, è in continuo divenire. Stesse problematiche sono attuali per il trattamento dell’ipertensione arteriosa, dove di recente è stato introdotto l’utilizzo di terapie farmacologiche combinate, che associano diversi farmaci antipertensivi» spiega Vincenzo Mollace, Docente di Farmacologia all’Università Magna Graecia di Catanzaro e chairman del simposio. «Oggi grazie alle nuove indicazioni contenute nelle linee guida della Società Europea di Cardiologia e della Società Europea dell’iIpertensione e sui quali oggi cominciamo ad avere riferimenti importanti non solo dal punto di vista della logica nell’uso di questo tipo di farmaci ma anche dal punto di vista farmacoeconomico».

L’aumento del colesterolo, dei trigliceridi, della glicemia e la riduzione del colesterolo buono, cioè Hdl, aumentano il rischio di patologie cardiovascolari, in particolare di cardiopatia ischemica. Il rischio cardiometabolico, cioè la combinazione di queste condizioni, è un moltiplicatore di rischio rispetto al rischio ordinario. «I farmaci maggiormente in uso per questa condizione, come le statine, possono avere in alcuni casi, accanto al beneficio, anche effetti collaterali e quindi determinare una sospensione della terapia, senza che il paziente raggiunga l’obiettivo» prosegue Mollace. «Di recente si è osservato come un approccio anche di tipo nutrizionale o nutraceutico oppure l’aggiunta di alcuni integratori che hanno un forte potere antiossidante, per i quali finalmente c’è una seria documentazione scientifica, possono aiutare a raggiungere obiettivi di colesterolo accettabili. In verità le statine restano insostituibili, ma grazie alle supplementazioni nutrizionali possiamo addirittura raggiungere il dimezzamento delle dosi, con una forte persistenza della terapia e un miglioramento nella risposta in termini quantitativi e anche qualitativi».

Tra le sostanze naturali che possono essere utilizzate, si distingue il bergamotto, come evidenziato recentemente da uno studio condotto da Mollace. «Le proprietà curative del bergamotto e dei suoi derivati sono note da tempo, da quelle cosmetologiche alla disinfezione sino alle recenti acquisizioni nel settore nutrizionale. Meno noti sono gli effetti sistemici della frazione non volatile dell’olio essenziale di tale agrume, che è ricco di sostanze farmacologicamente attive» prosegue Mollace. «In particolare, studi recenti condotti nei nostri laboratori hanno documentato che la frazione non volatile dell’olio essenziale di bergamotto produce effetti antiproliferativi sulle cellule lisce dei vasi sanguigni. Tali effetti sono da attribuire alla presenza di sostanze antiossidanti e grazie alla presenza di bergamottina, una sostanza provvista di effetti calcio antagonisti, si registra anche un effetto ipotensivo di lunga durata. Pertanto i derivati del bergamotto rivestono un ruolo importante nel settore dei possibili agenti terapeutici di origine officinale. Per la serie di effetti che gli estratti del bergamotto rivestono sul sistema cardiovascolare, ne deriva un potenziale utilizzo di sicuro rilievo nel campo dei rimedi non convenzionali per combattere le principali patologie cardiovascolari quali l’ipertensione arteriosa e le vasculopatie».

© riproduzione riservata