Lunedì 29 Marzo 2010

Calcio dilettanti: primo verdetto
Il Brusaporto è stato promosso

Lo scorso turno di calcio provinciale ha emesso il primo verdetto. Nel girone E di Prima categoria il Brusaporto (61) ha aritmeticamente vinto il campionato. Non esiste modo migliore per conquistare un simile risultato: battere la prima diretta inseguitrice (Pian Camuno) in trasferta, con un gol decisivo al primo minuto di recupero.

Così è stato e la marcatura di Maffi ha permesso ai suoi di festeggiare l'ambito traguardo al termine di una stagione perfetta, conquistando il risultato, mai messo in discussione durante l'annata, con ben cinque giornate d'anticipo.

Nelle altre categorie, soprattutto in Eccellenza e in Promozione, i giochi sono ancora aperti. Nel girone B d'Eccellenza il Mapello (56) ha, come da pronostico, battuto agevolmente il Mariano (36) per 3-1. Peccato che da Treviglio non sono arrivate buone notizie: i padroni di casa (43) sono infatti stati sconfitti senza appello dalla capolista Seregno (66), vittoriosa con un secco 3-0.

Giovedì 1° aprile sarà il giorno verità per il primo posto con lo scontro tra le due rivali: sulla carta il Seregno sembra imbattibile, ma lo spareggio in programma in terra milanese potrebbe aprire nuovi orizzonti. La Voluntas Osio (43) può ancora credere all'obiettivo playoff, soprattutto dopo la convincente vittoria contro la Base 96 (33) per 3-0. Il derby tra Ciserano (36) e Villa d'Almè (34) è terminato in parità (2-2): un punto che smuove la classifica di entrambi.

Nel girone C il distacco tra le prime due è rimasto invariato. A nulla è servito il 5-1 dell'Aurora Seriate (55) contro il fanalino Casale Vidolasco (10), dato che la capolista Rudianese (63) ha umiliato in trasferta i mantovani del Volta (28) con un largo 7-0. Le bergamasche piazzate in zona playoff non stanno attraversando un momento di forma particolarmente positivo. Dopo il pareggio del Sarnico (0-0) contro la Grumellese, la Ghisalbese (43) ha conquistato il quinto pareggio consecutivo nel derby contro la Gandinese (1-1), mentre il Calcio Caravaggese (42) è tornato con i piedi per terra, sconfitto in trasferta dal Castegnato (48) per 2-1, nonostante un'ottima prestazione.

Appare migliore la situazione delle bergamasche in corsa per la prima piazza dei gironi di Promozione. Il Curno (49) non smette di stupire: dopo una flessione fisiologica dovuta alla spettacolare rimonta completata dopo un avvio di campionato raccapricciante, i ragazzi di Sporchia avevano perso terreno dalla capolista Biassono (50). In una settimana però Dinoni e compagni sono passati da -9 a -1, con 5 partite ancora da giocare contro le ultime 5 della classe: l'ultima vittoria è arrivata nel derby contro il Paladina (2-0).

Sorprendente il cammino del Lemine (32), che negli scontri diretti si fa sempre trovare pronto: ha conquistato la terza vittoria consecutiva in altrettanti match salvezza, portandosi a + 4 dai playoff: nel match contro la Concorrezzese (24) sono state decisive le reti di Regazzoni e Perri. Sta invece passando un periodo difficile la Pontirolese (28) che ha perso tre partite nel giro di 7 giorni, l'ultima contro il Cassina de' Pecchi (24): la situazione di classifica non è delle più rosee, con i bergamaschi coinvolti nelle posizioni playout.

Quanto il calcio sia imprevedibile e quanto i pronostici possano essere ribaltati lo ha dimostrato il girone D. Le squadre in lotta per non retrocedere sono infatti riuscite a sgambettare le prime due della classe. Così la capolista Vallecamonica (49) è stata sconfitta tra le mura amiche da una brillante Forza e Costanza (28) per 2-1, con lo stesso risultato il San Paolo d'Argon (45) ha pagato dazio in quel di Verdello, battuto dalla Vever (29). L'Arcene (44) non ha saputo approfittare della situazione, bloccato sul pari (0-0) dal pericolante Franciacorta (26). Il campionato resta dunque apertissimo e ogni match che rimane da disputare sarà una finale per le tre pretendenti.
 Simone Masper

m.sanfilippo

© riproduzione riservata