Domenica 06 Ottobre 2013

Lombardia, bis di Rodriguez
Male gli italiani: Nibali ritirato

Joaquim Rodriguez ha conquistato il Giro di Lombardia che era scattato da Bergamo. Per lo spagnolo è la seconda affermazione consecutiva nella stessa classica. Secondo, sul traguardo di Lecco, l'altro iberico Alejandro Valverde, terzo il polacco Rafal Majka.

È il giorno del riscatto per Rodriguez. Il ciclista spagnolo della Katusha si è imposto in 6h10'18" precedendo di una quindicina di secondi Valverde dopo il pasticcio di una settimana fa al Mondiale di Firenze, in cui si era dovuto accontentare della medaglia d'argento.

Vincenzo Nibali, giunto quarto nella corsa iridata, è uscito di scena per una caduta a 92 km dall'arrivo. Una gioia doppia per «Purito» che ha scalato anche la vetta del World Tour con i cento punti guadagnati sul traguardo di Lecco, scavalcando Froome e confermando la grande condizione che ne aveva fatto uno dei favoriti per il titolo iridato.

La delusione di una settimana fa, agevolata da un clamoroso errore di strategia della squadra spagnola, è stata superata grazie a un'azione a 10 km dall'arrivo, quando il favorito della vigilia è scattato nello stesso punto in cui aveva fatto il vuoto un anno fa.

«Vincere così è una soddisfazione immensa, non era facile finire l'anno in questo modo», sono state le prime parole del vincitore ai microfoni della Rai, prima dell'abbraccio con l'amico e compagno di squadra Dani Moreno.

Nella giornata in cui il fresco campione mondiale Rui Costa ha vestito i panni del gregario per riprendere Thomas Voeckler, in fuga fino a 12 km dal traguardo, l'unico italiano a mettersi in mostra è stato Domenico Pozzovivo, il primo a fare selezione poco prima dello scatto decisivo di Rodriguez.

Oltre a Nibali, portato in ospedale dopo la caduta ma che fortunatamente non ha riportato fratture, si è ritirato anche Michele Scarponi per problemi di stomaco. Il primo «azzurro» è stato Enrico Gasparotto, quinto classificato, mentre Franco Pellizzotti ha concluso ottavo e Ivan Santaromita nono. Undicesimo Ivan Basso. Gara senza squilli sia per Peter Sagan, ritirato sulla salita di Valcava, che per Alberto Contador, in forte ritardo dai primi.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata

Tags