Mercoledì 20 Maggio 2009

Giro d'Italia: tappa a Cavendish
Nessun problema per Di Luca

Cavendish-Petacchi 2-2. Dopo il tappone Cuneo-Pinerolo e prima della lunga cronometro delle Cinque Terre, i velocisti si sono riappropriati della scena al Giro d'Italia. E lo sprinter dell'Isola di Man, già davanti a tutti sul traguardo di Milano, ne ha approfittato per pareggiare il conto delle volate con lo spezzino, che si era imposto a Trieste e Valdobbiadene, nella Torino-Arenzano di 214 km.

«Stamattina non ero sicuro del mio stato di forma - il commento di Cavendish -, sapevo che sarebbe stato fondamentale non perdere terreno sul Turchino per potermi giocare la vittoria». L'inglese ha sentito odore di Milano-Sanremo e sul traguardo di Arenzano non ha lasciato scampo a nessuno, anche grazie allo splendido lavoro della sua squadra, la Columbia-High Road. Alle sue spalle si sono piazzati lo statunitense Tyler Farrar e proprio Petacchi, che dopo l'arrivo ha polemizzato: «Se io avessi fatto a Cipollini quello che fanno a me... Non c'è molto rispetto: sempre spallate anche quando non servono. Farrar è scorretto. In questi casi per me l'importante è non cadere».

La realtà è che, con la Lpr impegnata a proteggere la maglia rosa, Petacchi patisce il doversi inventare le volate da solo come fanno molti dei suoi rivali. Giornata di sostanziale riposo per gli uomini di classifica, Leipheimer a parte: lo statunitense è caduto senza gravi conseguenze, ma l'episodio potrebbe lasciare qualche strascico fastidioso in vista della crono.  «Lui è comunque tra i favoriti - assicura la maglia rosa Di Luca -, è un grande specialista: insieme a Menchov, il corridore che mi è più vicino in classifica, è l'uomo da tenere maggiormente d'occhio».

L'Astana ha perso Chris Horner, che non si è presentato al via per i postumi della scivolata di ieri, mentre lo spagnolo Joaquin Rodriguez si è ritirato dopo pochi chilometri per un problema a un ginocchio.

Ordine d'arrivo
1. Mark CAVENDISH (Gbr, Columbia-High Road) in 4h51'17" alla media di 44,080 km/h; 2. Farrar (Usa) st; 3. PETACCHI st; 4. Davis (Aus) st; 5. Hinault (Fra) st; 6. VIGANÒ st; 7. Boasson Hagen (Nor) st; 8. Serov (Rus) st; 9. GATTO st; 10. Foerster (Ger) st; 37. Menchov (Rus) st; 40. Rogers (Aus) st; 42. CUNEGO st; 46. GARZELLI st; 48. POSSONI st; 56. SIMONI st; 65. Leipheimer (Usa) st; 67. Loevkvist (Sve) st; 71. BASSO st; 78. DI LUCA st; 82. Sastre (Spa) st; 86. Armstrong (Usa) st; 95. PINOTTI  st; 137. CACCIA a 5'48"; 141. VANOTTI a  7'56".

Classifica generale
1. Danilo DI LUCA (LPR) in 48h51'28" alla media di 40,638 km/h; 2. Menchov (Rus) a 1'20"; 3. Rogers (Aus) a 1'33"; 4. Leipheimer (Usa) a 1'40"; 5. PELLIZOTTI a 1'53"; 6. Sastre (Spa) a 1'54"; 7. BASSO a 2'03"; 8. Loevkvist (Sve) a 2'12"; 9. Arroyo (Spa) a 2'35"; 10. SIMONI a 2'58"; 16. Armstrong (Usa) a 5'28"; 17. CUNEGO a 5'31"; 27. GARZELLI a 7'32"; 51. PINOTTI a 32'09"; 86. POSSONI a 1.03'07; 110. VANOTTI a 1.21'05"; 148. CACCIA a 1.49'13".

m.sanfilippo

© riproduzione riservata