Domenica 24 Maggio 2009

Diego Caccia: «Sarà difficile sfilare la maglia rosa a Menchov»

La Romagna ha ospitato la 15°ª tappa del Giro d’Italia, ma a differenza di tante altre edizioni, non si è trattato di un comodo arrivo in una delle famose località balneari della costa, anche se la carovana rosa ne avrebbe avuto bisogno vista la canicola insopportabile che i partecipanti hanno dovuto affrontare.

Il percorso nervoso, su e giù dai colli romagnoli, ha acceso la fantasia e la voglia di fuga dei corridori, ma in termini di classifica non è cambiato nulla.

«Una frazione più faticosa del previsto – racconta uno stanco Diego Caccia –. È più difficile affrontare tappe del genere, senza un metro utile per tirare il fiato, che i tapponi dolomitici. La gara si è risolta sulla terzultima salita, quando il gruppo Liquigas ha allungato il passo facendo una prima scrematura, prima di staccare definitivamente la maggior parte del plotone».

Sono così iniziate due corse parallele: quella dei fuggitivi della prima ora e quella del gruppo della maglia rosa, assottigliatosi ad una trentina di unità. «La Liquigas ha fatto capire di voler giocare fino in fondo tutte le sue carte – prosegue l’inviato web Diego Caccia –. Non hanno guadagnato alcun vantaggio, ma almeno non lasceranno nulla d’intentato, soprattutto nella tappa di domani».

Lunedì 25 maggio la tappa con arrivo al Monte Petrano potrà dire se questo Giro d’Italia ha già un vincitore. Diego Caccia ha le idee chiare in materia e pedalando in parte ai campioni s’azzarda a dare il nome del vincitore finale. «Domani sarà una frazione importantissima – conclude l’atleta di Locate di Ponte San Pietro –: si tratta di un arrivo in salita molto difficile e proprio per questa ragione sulla ruota posteriore monterò una corona da 27 denti. Sono sempre più convinto che nessuno sia in grado di togliere al russo Menchov le insegne del primato: domani l’atleta della Rabobank può avere in mano la corsa rosa, controllando però con la coda dell’occhio gli italiani Di Luca e Basso».

Simone Masper

r.clemente

© riproduzione riservata