Ahmed Ouhda vince la Yankee Run A Songavazzo sport e spettacolo

Ahmed Ouhda vince la Yankee Run
A Songavazzo sport e spettacolo

Ahmed Ouhda si aggiudica la Yankee Run precedendo Francesco Agostini e Iacopo Brasi. L’esibizione ad invito ha visto ben 11 fortissimi atleti darsi battaglia nelle vie del centro. Una Songavazzo gremita di pubblico per un evento ad elevato tasso di spettacolarità targato Fly-Up Sport.

Una serata da ricordare a Songavazzo, con il centro chiuso alla circolazione e aperto ai pedoni e ai podisti, con la festa del paese a cui ha fatto seguito la Yankee Run, esibizione podistica ad invito con formula all’americana promossa e ideata dalla Fly-Up Sport di Mario Poletti.

La competizione prevedeva un breve tracciato ad anello di circa 300 metri lungo il quale gli atleti sono sfilati a velocità controllata per sette tornate, con il gruppo compatto dietro alla bici di Mario Poletti. Fuoco alle polveri a partire dall’ottavo giro: a questo punto infatti è partita la sfida vera e propria con l’eliminazione dell’ultimo arrivato per ogni manche. Con l’assottigliamento del plotone iniziale di giro in giro, si è arrivati alla conclusione con solo tre podisti a contendersi la vittoria allo sprint finale. Nella finale a tre ad avere la meglio è stato Ahme​d Ouhda, ventenne bergamasco di Gromo tesserato per l’Atletica Casone Noceto, che si è lasciato alle spalle Francesco Agostini e Iacopo Brasi.

La kermesse è risultata sin dall’inizio entusiasmante e gli incitamenti degli spettatori assiepati a bordo strada lungo tutto il percorso hanno reso il confronto fra podisti ancora più acceso. «Sono molto soddisfatto ​- ha dichiarato Mario Poletti ​- perché ancora una volta siamo riusciti a portare in mezzo alla gente l’atletica d’élite. Sia gli atleti che il pubblico hanno risposto alla grande. Ringrazio il Comune di Songavazzo, in particolare il sindaco Giuliano Covelli e il vicesindaco Guido Fratta e tutti gli sponsor».

Ahmed Ouhda, primo classificato, non ha potuto che essere soddisfatto del suo risultato: «Alle Yankee Run riesco sempre a fare dei buoni piazzamenti e qualche volta anche a cogliere un successo, come questa sera in mezzo a uno splendido pubblico. Non è un periodo facile, un infortunio mi impedisce di allenarmi come vorrei, comunque non demordo e il mio obiettivo principale è il campionato italiano sui 10 km che si disputerà a Dalmine fra un mese».

«Ogni singolo atleta che ha partecipato alla Yankee Run va apprezzato ed ammirato, perché quello che conta, nello sport, è impegnarsi a fondo e terminare una gara sapendo di aver dato tutto, indipendentemente dal risultato - commenta Giuliano Covelli, sindaco di Songavazzo -: Ringrazio l’organizzatore Mario Poletti, lui ha tante idee, ed è una delle rare persone che quando propone una cosa poi la realizza davvero, con le proprie mani. E noi accogliamo con entusiasmo le sue iniziative». «Mi unisco ai ringraziamenti di Covelli e aggiungo che per il comune questa è stata una serata importante, abbiamo animato il centro, lo abbiamo chiuso al traffico e restituito ai cittadini, coinvolgendo i bar della via principale. La Yankee Run ci ha permesso di far vivere il paese non solo ai cittadini ma anche a tante persone provenienti da tutta la provincia e persino da Brescia» conclude Guido Fratta, vicesindaco.

Ora appuntamento a Colere mercoledì 16 agosto per la prossima YankeeRun sotto le stelle.


© RIPRODUZIONE RISERVATA