Atalanta, la Primavera imita i «grandi» Battuta la Juve, doppietta di Barrow

Atalanta, la Primavera imita i «grandi»
Battuta la Juve, doppietta di Barrow

La Primavera dell’Atalanta sulle orme dei «grandi». La squadra allenata da mister Brambilla ha battuto la Juventus nell’ultima giornata del girone di andata del campionato.

Sotto gli occhi del presidente Antonio Percassi, dell’amministratore delegato Luca Percassi e di Responsabile dell’Area Tecnica Giovanni Sartori i nerazzurri hanno avuto la meglio sui bianconeri: 3 a 1 il risultato finale. Partita bella e combattuta, con i nerazzurri che creano gioco e sfiorano il vantaggio con Kulusevski: la sua conclusione viene respinta dalla traversa. Da palla ferma però è la Juve a passare con un colpo di testa di Delli Carri. Immediata la reazione nerazzurra con il pareggio che arriva prima dell’intervallo grazie a un rigore di Barrow (fallo su Zortea). Nella ripresa si completa il sorpasso. Peli all’11’ trova la respinta vincente dopo una conclusione di Barrow respinta quasi sulla linea. Al 29’ il 3-1 porta la firma ancora di Barrow che chiude così il match. La Primavera nerazzurra chiude così l’andata in testa con 33 punti.

ATALANTA-JUVENTUS 3-1

Reti: 31’ p.t. Delli Carri (J), 42’ p.t. Barrow su rigore (A), 11’ s.t. Peli (A), 29’ s.t. Barrow (A).

Atalanta: Carnesecchi, Zortea (39’ s.t. Zanoni), Carminati, Bolis, Guth (1’ s.t. Alari), Del Prato, Peli, Melegoni, Barrow, Mallamo, Kulusevski. A disposizione: Pavan, Salvi, Heidenreich, Elia, Rizzo Pinna, Rinaldi, Chiossi, Nivokazi. Allenatore: Massimo Brambilla.

Juventus: Loria, Delli Carri, Tripaldelli, Zanandrea, Caligara, Vogliacco, Bandeira da Fonseca (34’ s.t. Morachioli), Muratore (15’ s.t. Portanova), Olivieri, Montaperto (23’ s.t. Petrelli), Di Pardo. A disposizione: Busti, Anzolin, Capellini, Pereira Serrao, Merio, Meneghini, Narciso da Costa, Morrone, Adamoli. Allenatore: Alessandro Dal Canto.

Arbitro: De Angeli di Abbiategrasso (assistenti: Salvalaglio di Legnano e Donato di Milano).

Note: ammoniti Del Prato (A), Melegoni (A), Olivieri (J), Caligara (J).

© RIPRODUZIONE RISERVATA