Atalanta, mercoledì 26 arriva la Juventus Bergamo, stadio vicino al tutto esaurito

Atalanta, mercoledì 26 arriva la Juventus
Bergamo, stadio vicino al tutto esaurito

Palomino, Toloi e de Roon salteranno Atalanta-Juventus. Quello in diffida era l’olandese, ma a finire nell’angolo dei cattivi sono stati gli altri due.

L’argentino e il brasiliano si sono fatti espellere e salteranno la partita di mercoledì (ore 15 a Bergamo) contro la Vecchia Signora (con ogni probabilità saranno sostituiti da Djimsiti e Masiello).

L’assenza di de Roon, invece, non c’entra nulla con la diffida (che resta), ma è colpa dell’infortunio in avvio (in un contrasto con Romero), che l’ha costretto ad uscire dal campo dopo 5’: il centrocampista è stato portato subito all’ospedale San Martino, dove è stato sottoposto ad accertamenti. La buona notizia è che dovrebbe trattarsi semplicemente di una brutta botta: forte trauma contusivo al piede destro, ma nessuna frattura apparente. Pare scongiurata, dunque, l’ipotesi di un lungo stop, ma de Roon dovrà restare fuori due settimane, dunque perderà sicuramente la Juve e anche il Sassuolo, per tornare direttamente nel 2019, dopo la sosta.

Intanto c’è attesa per il 26 pomeriggio. Atalanta-Juventus (in programma alle 15, a Bergamo), come previsto, è partita da boom di spettatori: i tagliandi venduti entro sabato sera erano 3.610, che – con i 15.565 abbonati – producono un totale vicino a quota 19.200. Il sold out non è lontano, anche perché molti dei settori sono già esauriti: impossibile trovare un biglietto in Tribuna Centrale Ubi Coperta, Tribuna Laterale Ubi Scoperta, Distinti Nord, Curva Pisani e Parterre Ubi, mentre le altre zone sono in esaurimento, con pochissimi posti disponibili, fatta eccezione per Tribuna Centrale e Tribuna d’Onore, dove c’è una più ampia disponibilità.

Sabato 29 alle 15 è poi in programma la trasferta a Reggio Emilia, contro il Sassuolo (Dea Card non obbligatoria): il Club Amici dell’Atalanta sta organizzando i pullman tramite centro di coordinamento, Le Tigri di Parre e Club Boccaleone.


© RIPRODUZIONE RISERVATA