Venerdì 18 Giugno 2004

Atalanta probabile ritorno di Dabo Per Mingazzini si va alle buste

Per Mingazzini si rischia di andare alle buste con lo Spezia, Mauro Minelli tornerà all’Atalanta perché non rientra nei programmi del Verona. Poi gli sarà trovata una sistemazione, possibilmente in serie B. E il regista del prossimo campionato potrebbe essere Ousmane Dabo. Questo è il mercato dell’Atalanta: quel che giovedì sembrava probabile ieri è diventato impossibile.

Capitolo Mingazzini. L’Atalanta intende confermare in organico il pupillo di Mandorlini, ma lo Spezia ha chiesto 600 mila euro per la seconda metà di Mingazzini, a prescindere dalle comproprietà di Pettinà e Previtali e dal prestito di Fabiano, che vorrebbe rinnovare. L’Atalanta invece offre la sua metà del cartellino di Pettinà e Previtali e 150 mila euro, oltre alla disponibilità a rinnovare il prestito di Fabiano. La differenza è tale che a questo punto non è da escludere che si finisca alle buste. Tornerà invece di sicuro a Bergamo il difensore Minelli, perché il patron del Verona, Giambattista Pastorello, a sorpresa ha rinunciato al giocatore: Minelli non rientra nei programmi della sua società. L’Atalanta lo riporterà a Bergamo (evitando le buste) e poi gli cercherà una sistemazione in B. Minelli (24 presenze e un gol) piace per esempio a Elio Gustinetti, e la coppia Zoboli -Minelli in B sarebbe di grande prospettive.

All’AlbinoLeffe - dal quale s’è fatto sentire anche il Lecce per Acerbis, e che non ha ancora deciso se confermare o meno Giacomo Ferrari (ma è improbabile) - potrebbe andare, anche Inacio Joelson (31 presenze e 8 gol in C1), il fratello di Inacio Pià. L’Atalanta infatti ne riprenderà la comproprietà dal Pavia. Alla società azzurra resterà invece a titolo definitivo il portiere Mauro Bressan, mentre rientrerà a Bergamo per fine prestito Yuri Breviario .

L’Atalanta ha anche fatto un passo avanti verso la conferma di Stefano Lorenzi , per il quale si ipotizza il rinnovo della comproprietà col Chievo. Seri problemi ci sono invece per Paolo Foglio, che non rientra nei programmi di SImoni, il nuovo allenatore del Siena. Di conseguenza Atalanta e Siena finiranno per andare alle buste, dopo che il Genoa (dove Foglio ha giocato da gennaio: 14 gare e 5 gol) s’è chiamato fuori perché De Canio cambierà modulo. Sarà rinnovata, con la Sampdoria, la comproprietà di Corrado Colombo. I blucerchiati faranno anche valere il diritto di prendere in comproprietà Pagano , così come il Cagliari trasformerà da prestito in comproprietà il contratto di Bianchi. Delle due operazioni l’Atalanta incasserà circa quattro miliardi e non vuole assolutamente giocatori in cambio.

Le due trattative maggiori in casa nerazzurra sono praticamente ferme. Per Dabo alla Lazio non c’è più un interlocutore, quindi si andrà alle buste. E pare sempre più probabile che il francese torni a Bergamo per fare il centrale di centrocampo. Mandorlini ha già dato il suo consenso. E con il Bologna, per Natali e Rossini, tutto tace: si vedrà a inizio settimana se si sbloccherà qualcosa. Perché lunedì e martedì gli operatori di mercato saranno a Milano per le comproprietà, poi mercoledì 23 si dovranno depositare le buste per i contratti non risolti e venerdì 25 verranno aperte. Sapendo chi resterà e chi se ne andrà, poi da lunedì 28 giugno per tutti comincerà il mercato vero.

(19/06/2004)

u.negrini

© riproduzione riservata

Tags