Bergamo Basket, centrali deboli Poco competitivi per la A2

Bergamo Basket, centrali deboli
Poco competitivi per la A2

Benvenuti e Zucca, i due centrali della Bergamo Basket, troppo deboli per affrontare un campionato di serie A2.

Ci va di insistere: la Bergamo Basket è debole nella coppia dei centrali. Benvenuti e Zucca, 23 e 22 anni, difficilmente assicureranno quella competitività richiesta da un campionato dello spessore della A2. Salvo che non si sacrifichi il lungo Fattori togliendolo, però, dalle funzioni di super tiratore dalla media-grande distanza. Si ha un bel dire che in caso di assoluta necessità alla riapertura del mercato ci sarebbe pronto un gruzzolo (già preventivamente in bilancio) per riparare all’inconveniente. Proprio nel passato campionato ricorrere all’emergenza risultò determinante con gli ingaggi risolutivi di Hollis e Laganà. Ma non è sempre festa oltre a dover eventualmente costringere la proprietà a mettere di nuovo mani alla cassa.

Oggi come oggi la potenzialità per eccellenza della squadra verte, innanzitutto, sul cecchino Roderick e sul regista puro Taylor. Una coppia statunitense, per di più, presentatasi di recente ai media fortemente motivata. Provate a pensare se ci si potesse esprimere già in questa fase dei se e dei ma in maniera risolutiva sul conto dei pivot in organico le credenziali dell’intero collettivo lieviterebbero alle stelle o giù di lì. E di conseguenza si potrebbe alzare di colpo l’asticella degli obiettivi.

Intanto la dirigenza ha reso noto una campagna abbonamenti con alcune novità rispondenti a un marketing positivamente innovativo. Auspicabile che alla seconda avventura di fila nella seconda divisione nazionale il numero di tessere alla fine sottoscritte sia adeguato agli impegni finanziari di patron Massimo Lentsch e di coloro che lo appoggiano con certificata passione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA