Domenica 10 Novembre 2013

Comark, sconfitta che brucia

È sfumato l’aggancio in vetta

link

Regalando agli avversari Masper per metà gara (sul parquet 18’) e un approccio mentale del collettivo da mani nei capelli (20-8 dopo 12’) come avrebbe potuto la Comark evitare il secondo flop del campionato in quel di Castiglione bolognese?

Alla fine il passivo è risultato di 9 lunghezze anche se intorno alla mezz’ora di gioco il team orobico era riuscito a portarsi sul 47-49. E guarda caso, parte del gran recupero era accaduto proprio quando in campo c’era Masper, il cui utilizzo è stato centellinato per malanni di stagione.

Ma nei 5’ finali la squadra di casa ha ripreso la marcia vincente e per la Comark non c’è stato più scampo. Come sempre in palla «mangiacanestri» Drusin (19 punti) e Mercante. Tanto di cappello, in ogni caso, a Masper, autore di 11 punti e 6 rimbalzi (raddoppiate le cifre coniugandole alla effettiva durata della partita e fate voi i conti se il rendimento del nostro «americano» non avrebbe ricalcato i copioni precedenti).

Solo 4 punti e un paio di rimbalzi, invece, portano la firma del neo acquisto Gotti. Una battuta a vuoto che lascia parecchio amaro in bocca tanto più che nel caso di un blitz in Emilia la Comark avrebbe raggiunto in vetta alla classifica l’Imola, scivolato tra le mura amiche contro Milano 3, al termine del supplementare. Sin qui il bilancio della formazione cittadina parla di 4 vittorie e 2 sconfitte.

Un percorso da minimo sindacale se messo in relazione alle fisiologiche ambizioni societarie e dello sponsor votate all’immediato salto nella quarta divisione nazionale. Lo stesso ingaggio, in settimana, del citato Gotti la dice del resto, lunga: altro che accontentarsi di centrare i rischiosi playoff!

IL TABELLINO

Castiglione Bologna-Comark Virtus 70-61

Castiglione Bologna: Riguzzi 17, Lollini 18,Gandolfine, Mazzoli, Beccari 6, Ventura, Botteghi 15, Albertini 14, Secchi, Di Rauso. All. Carretto.

Comark: Drusin 19, Masper 11, Mercante 9, Bernardi 5, Beretta 4, Deleidi 7, Guffanti 2, Gotti 4,Perdon, Ghislandi. All. Pasqua.

Arturo Zambaldo

© riproduzione riservata